Cos'è il mangostano: come coltivare alberi da frutto del mangostano

Cos'è il mangostano: come coltivare alberi da frutto del mangostano

Ci sono molti alberi e piante davvero affascinanti di cui molti di noi non hanno mai sentito parlare poiché prosperano solo a determinate latitudini. Cos'è un mangostano ed è possibile propagare un albero di mangostano?

Cos'è il mangostano?

Un mangostano (Garcinia mangostana) è un albero da frutto veramente tropicale. Non si conosce l'origine degli alberi da frutto del mangostano, ma alcuni ipotizzano che la genesi provenga dalle Isole della Sonda e dalle Molucche. Alberi selvatici possono essere trovati a Kemaman, nelle foreste della Malesia. L'albero è coltivato in Thailandia, Vietnam, Birmania, Filippine e India sud-occidentale. Sono stati fatti tentativi per coltivarlo negli Stati Uniti (in California, Hawaii e Florida), Honduras, Australia, Africa tropicale, Giamaica, Indie occidentali e Porto Rico con risultati estremamente limitati.

L'albero del mangostano è a crescita lenta, in posizione verticale nell'habitat, con una corona a forma di piramide. L'albero cresce tra i 20-82 piedi (6-25 m.) Di altezza con corteccia esterna quasi nera e traballante e un lattice gommoso ed estremamente amaro contenuto all'interno della corteccia. Questo albero sempreverde ha foglie verde scuro a gambo corto che sono oblunghe e lucide in cima e giallo-verdi e opache sul lato inferiore. Le nuove foglie sono rosso rosato e oblunghe.

I fiori sono larghi 1 ½ -2 pollici (4 cm) e possono essere maschi o ermafroditi sullo stesso albero. I fiori maschili sono portati in gruppi da tre a nove alle estremità dei rami; carnoso, verde con macchie rosse all'esterno e rosso giallastro all'interno. Hanno molti stami, ma le antere non portano polline. I fiori ermafroditi si trovano sulla punta dei ramoscelli e sono di colore verde giallastro bordato di rosso e sono di breve durata.

Il frutto risultante è rotondo, dal viola scuro al viola rossastro, liscio e di circa 3-8 cm di diametro. Il frutto ha una notevole rosetta all'apice composta da 4-8 resti piatti a forma di triangolo dello stigma. La polpa è bianca come la neve, succosa e morbida e può contenere o meno semi. Il frutto del mangostano è acclamato per il suo sapore succulento, delizioso e leggermente acido. In effetti, il frutto del mangostano viene spesso definito la "regina dei frutti tropicali".

Come coltivare alberi da frutto del mangostano

La risposta a "come coltivare alberi da frutto del mangostano" è che probabilmente non puoi. Come accennato in precedenza, molti sforzi per propagare l'albero sono stati tentati in tutto il mondo con poca fortuna. Questo albero amante dei tropici è un po 'schizzinoso. Non tollera temperature inferiori a 40 gradi F. (4 C.) o superiori a 100 gradi F. (37 C.). Anche le piantine di vivaio vengono uccise a 45 gradi F. (7 C.).

I mangostani sono schizzinosi in merito all'altitudine, all'umidità e richiedono precipitazioni annuali di almeno 50 pollici (1 m) senza siccità. Gli alberi prosperano in un terreno organico profondo e ricco, ma sopravvivono in terriccio sabbioso o argilla contenente materiale del terreno. Mentre l'acqua stagnante ucciderà le piantine, i mangostani adulti possono sopravvivere e persino prosperare nelle regioni in cui le loro radici sono coperte d'acqua per la maggior parte dell'anno. Tuttavia, devono essere riparati da forti venti e nebbia salina. Fondamentalmente, ci deve essere la tempesta perfetta di componenti quando si coltivano alberi da frutto del mangostano.

La propagazione avviene attraverso il seme, sebbene siano stati tentati esperimenti con l'innesto. I semi non sono veri semi ma tubercoli ipocotili, poiché non c'è stata fecondazione sessuale. I semi devono essere utilizzati cinque giorni dalla rimozione dal frutto per la propagazione e germoglieranno entro 20-22 giorni. La piantina risultante è difficile, se non impossibile, da trapiantare a causa di un fittone lungo e delicato, quindi dovrebbe essere avviata in un'area in cui rimarrà per almeno un paio d'anni prima di tentare un trapianto. L'albero può fruttificare in sette-nove anni, ma più comunemente a 10-20 anni di età.

I mangostani devono essere distanziati di 35-40 piedi (11-12 m.) E piantati in fosse 4 x 4 x 4 ½ (1-2 m.) Arricchiti con materia organica 30 giorni prima della semina. L'albero necessita di un sito ben irrigato; tuttavia, il clima secco appena prima del tempo di fioritura indurrà una migliore allegagione. Gli alberi dovrebbero essere piantati in ombra parziale e nutriti regolarmente.

A causa del lattice amaro trasudato dalla corteccia, i mangostani soffrono raramente di parassiti e non sono spesso afflitti da malattie.


Mangostano

Garcinia mangostana L.

  • Descrizione
  • Origine e distribuzione
  • Varietà
  • Clima
  • Suolo
  • Propagazione
  • Cultura
  • Stagione e raccolta
  • Mantenere la qualità
  • Parassiti e malattie
  • Usi alimentari
  • Altri usi

Uno dei frutti tropicali più elogiati, e sicuramente il frutto più stimato della famiglia Guttiferae, il mangostano, Garcinia mangostana L., è quasi universalmente conosciuto o sentito parlare con questo nome. Esistono numerose variazioni nella nomenclatura: tra le persone di lingua spagnola, è chiamato mangostan in francese, è mangostanier, mangoustanier, mangouste o mangostier in portoghese, è mangostao, mangosta o mangusta in olandese, è manggis o manggistan in vietnamita , mang tagliato in Malaya, può essere indicato in una qualsiasi di queste lingue o con i termini locali, mesetor, semetah o sementah nelle Filippine, è mangis o mangostan. In tutto l'arcipelago malese, ci sono molte ortografie diverse di nomi simili alla maggior parte dei precedenti.

Tavola XLI: MANGOSTEEN, Garcinia mangostana—Dipinto dal Dr. M.J. Dijkman
Descrizione

L'albero del mangostano è a crescita molto lenta, eretto, con una corona piramidale che raggiunge da 20 a 82 piedi (6-25 m) di altezza, ha una corteccia sfaldata di colore marrone scuro o quasi nero, la corteccia interna contenente molto giallo, gommoso, amaro lattice. Le foglie sempreverdi, opposte, a gambo corto sono ovato-oblunghe o ellittiche, coriacee e spesse, verde scuro, leggermente lucide sopra, verde-giallastre e opache sotto 3 1/2 a 10 pollici (9-25 cm) di lunghezza, 1 Larghezza da 3/4 a 4 pollici (4,5-10 cm), con nervatura centrale chiara e evidente. Le nuove foglie sono rosee. I fiori, larghi da 1 1/2 a 2 pollici (4-5 cm) e carnosi, possono essere maschi o ermafroditi sullo stesso albero. I primi sono in gruppi di 3-9 alle estremità dei rami ci sono 4 sepali e 4 petali ovati, spessi, carnosi, verdi con macchie rosse all'esterno, rosso-giallastro all'interno, e molti stami sebbene le antere abortite non portino polline. Gli ermafroditi sono portati singolarmente o in coppia all'estremità di giovani ramoscelli i cui petali possono essere verde-giallastro bordati di rosso o per lo più rossi, e si liberano rapidamente.

Il frutto, ricoperto dal calice prominente all'estremità dello stelo e con 4-8 resti piatti triangolari dello stigma in una rosetta all'apice, è rotondo, da viola scuro a rosso-viola e liscio esternamente da 1 1/3 a 3 in (3,4-7,5 cm) di diametro. La crosta ha uno spessore di 6-10 mm, di colore rosso, di colore bianco violaceo all'interno. Contiene lattice giallo amaro e un succo colorante viola. Ci sono da 4 a 8 segmenti triangolari di polpa bianca come la neve, succosa e morbida (in realtà gli arilli dei semi). Il frutto può essere senza semi o avere da 1 a 5 semi completamente sviluppati, ovoidali, un po 'appiattiti, lunghi 2,5 cm e larghi 1,6 cm, che aderiscono alla polpa. La polpa ha un sapore leggermente acido e da lieve a decisamente acido ed è acclamata come squisitamente succulenta e deliziosa.

Il luogo di origine del mangostano è sconosciuto ma si ritiene che siano ancora le Isole della Sonda e le Molucche, ci sono alberi selvatici nelle foreste di Kemaman, in Malesia. L'angolo suggerisce che l'albero potrebbe essere stato addomesticato per la prima volta in Thailandia o in Birmania. È molto coltivato in Thailandia - dove nel 1965 c'erano 9.700 acri (4.000 ettari) - anche nella Kampuchea, nel Vietnam meridionale e in Birmania, in tutta la Malesia e Singapore. L'albero fu piantato a Ceylon intorno al 1800 e in India nel 1881. Là riesce in 4 aree limitate: le colline di Nilgiri, il distretto di Tinnevelly di Madras meridionale, il distretto di Kanya-kumani all'estremità meridionale della penisola di Madras e in Kerala Stato nell'India sud-occidentale. L'albero è abbastanza comune solo nelle province di Mindanao e Sulu (o Jolo) nelle Filippine. È raro nel Queensland, dove è stato provato più volte dal 1854, e scarsamente rappresentato nell'Africa tropicale (Zanzibar, Ghana, Gabon e Liberia). C'erano alberi da frutto nelle serre in Inghilterra nel 1855. Il mangostano fu introdotto a Trinidad dal Royal Botanic Garden di Kew, in Inghilterra, tra il 1850 e il 1860 e il primo frutto fu portato nel 1875. Raggiunse la zona del Canale di Panama e Porto Rico in 1903 ma ci sono solo pochi alberi in queste aree, in Giamaica, Dominica e Cuba, e alcuni sparsi in altre parti delle Indie occidentali. Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti ha ricevuto sementi da Java nel 1906 (S.P.I. # 17146). Un grande blocco di prova di alberi produttivi è stato mantenuto per molti anni presso la Lancetilla Experimental Station a Tela, Honduras, per molti anni. Un bel po 'di alberi distribuiti dalla United Fruit Company molto tempo fa si sono comportati bene sulla costa atlantica del Guatemala. Nel 1924, il dottor Wilson Popenoe vide il mangostano crescere in un sito in Ecuador. Nel 1939, 15.000 semi furono distribuiti dai Canal Zone Experiment Gardens in molte aree dell'America tropicale. È probabile che siano sopravvissute solo poche piantine. È noto che molti muoiono durante il primo anno. Il dottor Victor Patiño ha osservato rigogliosi alberi di mangostano nel sito di un antico insediamento minerario a Mariquita, in Colombia, nella Valle della Magdalena e i frutti vengono venduti nei mercati locali. Dierberger Agricola Ltda., Di San Paolo, ha incluso il mangostano nel loro catalogo del vivaio nel 1949.

Nonostante le prime prove alle Hawaii, l'albero non si è ben acclimatato ed è ancora raro in quelle isole. Né ha avuto successo in California. Incontra suolo e clima molto sfavorevoli in Florida. Alcune piante sono state coltivate per un certo periodo in contenitori in serra. Un albero in una posizione costiera molto protetta e un terreno speciale ha vissuto per produrre un singolo frutto e poi ha ceduto al freddo invernale.

Nonostante l'entusiasmo del Vecchio Mondo per questo frutto, spesso ripetuto, non è sempre considerato degno della fatica di produrlo. In Giamaica, è considerato buono ma sopravvalutato non paragonabile a un buon ananas maturo o un mango scelto.

Secondo Corner, il frutto delle piantine è abbastanza uniforme, solo una variazione distinta è nota e che è nelle Isole Sulu. Il frutto è più grosso, la buccia più spessa del normale e la polpa più acida il sapore più pronunciato. Nel Borneo settentrionale, una forma apparentemente selvatica ha solo 4 carpelli, ciascuno contenente un seme completamente sviluppato, e questo probabilmente non è unico.

Il mangostano è ultra tropicale. Non può tollerare temperature inferiori a 40 ° F (4,44 ° C), né superiori a 100 ° F (37,78 ° C). Le piantine della scuola materna vengono uccise a 45º F (7,22º C).

È limitato in Malesia ad altitudini inferiori a 1.500 piedi (450 m). A Madras cresce da 250 a 5.000 piedi (76-1.500 m) sul livello del mare. I tentativi di stabilirlo a nord di 200 di latitudine sono falliti.

Normalmente richiede un'elevata umidità atmosferica e una piovosità annuale di almeno 50 pollici (127 cm) e non lunghi periodi di siccità. In Dominica, i mangostani che crescono in un'area con 80 pollici (200 cm) di pioggia all'anno richiedevano cure speciali, ma quelli in un'altra località con 105 pollici (255 cm) e terreno con una migliore capacità di trattenere l'umidità, prosperarono.

L'albero non è adattato al calcare e si comporta meglio in un terreno organico profondo e ricco, in particolare terriccio sabbioso o laterite. In India, gli esemplari più produttivi sono su argilla contenente molto materiale grossolano e un po 'di limo. I terreni alluvionali sabbiosi non sono adatti e la sabbia povera di humus contribuisce a basse rese. L'albero ha bisogno di un buon drenaggio e la falda acquifera dovrebbe essere a circa 6 piedi (1,8 m) sotto il livello del suolo. Tuttavia, nella zona del canale, sono stati stabiliti boschetti produttivi di mangostano dove è troppo umido per altri alberi da frutto, nelle paludi che richiedono fossati di drenaggio tra i filari e in situazioni in cui le radici sono state bagnate con acqua corrente per la maggior parte dell'anno, nonostante il fatto che l'acqua stagnante nei letti dei vivai ucciderà le piantine. Il mangostano deve essere riparato dai venti forti e dalla nebbia salina, così come dal terreno salino o dall'acqua.

Tecnicamente, i cosiddetti "semi" non sono veri semi ma embrioni avventizi, o tubercoli ipocotilici, in quanto non vi è stata fecondazione sessuale. Quando inizia la crescita, un germoglio emerge da un'estremità del seme e una radice dall'altra estremità. Ma questa radice è di breve durata ed è sostituita da radici che si sviluppano alla base del germoglio. Essendo il processo di riproduzione vegetativo, c'è naturalmente poca variazione negli alberi che ne derivano e nei loro frutti. Alcuni dei semi sono poliembrionici, producendo più di un germoglio. I singoli embrioni nucellari possono essere separati, se lo si desidera, prima della semina.

Poiché la percentuale di germinazione è direttamente correlata al peso del seme, per la semina dovrebbero essere scelti solo semi carnosi e completamente sviluppati. Anche questi perderanno vitalità in 5 giorni dopo la rimozione dal frutto, sebbene siano vitali per 3-5 settimane nel frutto. I semi confezionati in muschio di torba leggermente inumidito, muschio di sfagno o fibra di cocco in contenitori ermetici sono rimasti vitali per 3 mesi. Solo il 22% di germinazione è stato realizzato in semi confezionati in carbone di legna macinato per 15 giorni. L'immersione in acqua per 24 ore accelera e aumenta il tasso di germinazione. Generalmente, la germinazione avviene in 20-22 giorni ed è completa in 43 giorni.

A causa del fittone lungo e delicato e dello scarso sviluppo della radice laterale, il trapianto è notoriamente difficile. Non deve essere eseguito dopo che le piante hanno raggiunto i 60 cm. A quel punto la profondità del fittone può superare tale altezza. La sopravvivenza della piantina è maggiore se i semi vengono piantati direttamente nella fila del vivaio rispetto a se coltivati ​​prima in contenitori e poi trapiantati nel vivaio. Il terreno del vivaio dovrebbe essere profondo almeno 1 m. Le giovani piante impiegano 2 anni o più per raggiungere un'altezza di 12 pollici (30 cm), quando possono essere raccolte con una profonda palla di terra e avviate. La fruttificazione può avvenire in 7-9 anni dalla semina, ma di solito non per 10 o anche 20 anni.

La propagazione vegetativa convenzionale del mangostano è difficile. Vari metodi di innesto hanno fallito. Le talee e gli strati d'aria, con o senza sostanze chimiche che promuovono la crescita, di solito non riescono a radicare o producono piante deformate e di breve durata. Inarching su diversi portinnesti è apparso inizialmente promettente, ma successivamente l'incompatibilità è stata evidente con tutti tranne G. xanthochymus Hook. f. (G tinctoria Dunn.) O G. lateriflora Bl., Ora comunemente impiegato nelle Filippine.

In Florida, l'innesto di avvicinamento è riuscito solo piantando un seme di G. xanthochymus a circa 3 cm dalla base di una piantina di mangostano in un contenitore e, quando il fusto della piantina di G. xanthochymus è diventato Spessore 3 mm, unendolo allo stelo spesso 5-6 mm del mangostano in un punto a circa 10 cm sopra il terreno. Quando l'innesto è guarito, la piantina di G. xanthochymus viene decapitata. Il mangostano farà buoni progressi avendo entrambi gli apparati radicali su cui crescere, mentre il portainnesto G. xanthochymus si svilupperà molto poco.

Si consiglia una distanza compresa tra 35 e 40 piedi (10,7-12 m). La semina viene preferibilmente effettuata all'inizio della stagione delle piogge. Le fosse 4 x 4 x 4 1/2 ft (1.2 x l.2 x l.3 m) vengono preparate con almeno 30 giorni di anticipo, arricchite con materia organica e terriccio e lasciate intemperie. Il giovane albero viene messo a posto con molta attenzione in modo da non ferire la radice e dato un'abbondante annaffiatura. L'ombreggiatura parziale con fronde di palma o con altri mezzi dovrebbe essere mantenuta per 3-5 anni. I coltivatori indiani danno ad ogni albero un'alimentazione regolare con letame ben decomposto, da 100 a 200 libbre (45-90 kg) e farina di arachidi, da 10 a 15 libbre (4,5-6,8 kg) in totale all'anno.

Alcuni degli alberi di mangostano più fruttuosi crescono sulle rive di ruscelli, laghi, stagni o canali dove le radici sono quasi costantemente bagnate. Tuttavia, il clima secco appena prima della fioritura e durante la fioritura induce una buona allegagione. Laddove non sia disponibile un sito di impianto umido, si dovrebbero scavare fossati di irrigazione per consentire di mantenere un adeguato approvvigionamento idrico e gli alberi vengono irrigati quasi quotidianamente durante la stagione secca.

In Malesia e Ceylon, è pratica comune spargere un pacciame di bucce o fronde di cocco per trattenere l'umidità. Un pacciame di erba da 40 cm ha ripristinato gli alberi che avevano iniziato a disidratarsi in Liberia. È stato suggerito di potare piccoli rami interni da alberi vecchi e improduttivi per stimolare il portamento. In Thailandia, si dice che l'albero impieghi dai 12 ai 20 anni per fruttificare. A Panama e Porto Rico gli alberi cresciuti da seme di grandi dimensioni e con una buona cultura hanno dato vita in sei anni.

A basse altitudini a Ceylon il frutto matura da maggio a luglio a quote più elevate, in luglio e agosto o agosto e settembre. In India, ci sono 2 distinte stagioni di fruttificazione, una nel periodo dei monsoni (luglio-ottobre) e un'altra da aprile a giugno. Alberi portoricani in pieno sole fruttifica in luglio e agosto alberi all'ombra, in novembre e dicembre.

Il raccolto è irregolare e la resa varia da albero ad albero e da stagione a stagione. Il primo raccolto può essere compreso tra 200 e 300 frutti. La resa media di un albero adulto è di circa 500 frutti. La resa aumenta costantemente fino al 30 ° anno di produzione quando si possono ottenere raccolti da 1.000 a 2.000 frutti. A Madras, singoli alberi di età compresa tra 20 e 45 anni hanno prodotto da 2.000 a 3.000 frutti. La produttività diminuisce gradualmente in seguito, sebbene l'albero continuerà a fruttificare a 100 anni di età.

La maturità è misurata dal pieno sviluppo del colore e da un leggero ammorbidimento. La raccolta può essere effettuata quando i frutti sono leggermente acerbi ma devono essere completamente maturi (sviluppati) altrimenti non matureranno dopo la raccolta. I frutti devono essere raccolti a mano da scale o mediante un palo da taglio e non devono essere lasciati cadere.

In una conservazione asciutta, calda e chiusa, i mangostani possono essere conservati da 20 a 25 giorni. Periodi più lunghi fanno sì che la pelle esterna si indurisca e la buccia diventi gommosa in seguito, la crosta si indurisce e diventa difficile da aprire e la polpa diventa secca.

I mangostani maturi si conservano bene per 3-4 settimane se conservati a una temperatura compresa tra 40 ° e 55 ° F (4,44 ° -12,78 ° C). Prove in India hanno dimostrato che le condizioni ottimali per la conservazione a freddo sono temperature da 39º a 42º F (3,89º-5,56º C) e umidità relativa dall'85 al 90%, che mantengono la qualità per 49 giorni. Si consiglia di avvolgere i frutti in carta velina e imballarli da 25 pezzi in casse di legno chiaro con imbottitura excelsior. I frutti raccolti leggermente acerbi sono stati spediti dalla Birmania nel Regno Unito a una temperatura compresa tra 10 e 12,78 ° C (tra i 50 ° ei 55 ° F). Dal 1927 al 1929, furono effettuate spedizioni di prova da Java all'Olanda a 37,4 ° F (circa 2,38 ° C) e i frutti mantenuti in buone condizioni per 24 giorni.

Sono stati segnalati pochi parassiti. Un bruco mangia-foglie in India potrebbe forse essere lo stesso che attacca i nuovi germogli nelle Filippine e che è stato identificato come Orgyra sp. della famiglia delle tarme tussock, Lymantridae. Una piccola formica, Myrnelachista ramulorum, a Porto Rico, colonizza l'albero, crea tunnel nel tronco e nei rami e danneggia la nuova crescita. Gli acari talvolta deturpano i frutti con piccoli morsi e graffi. I frutti completamente maturi vengono attaccati da scimmie, pipistrelli e ratti in Asia.

A Porto Rico, la ruggine del filo causata dal fungo, Pellicularia koleroga, è spesso osservata su ramoscelli, fogliame e frutti degli alberi in zone ombreggiate e umide. I frutti possono rivestirsi di fettuccia e rovinarsi. In Malesia, il fungo Zignoella garcineae dà luogo a crescite tuberose sui rami, provocando una morte fatale del fogliame, dei rami e infine dell'intero albero. La rottura durante lo stoccaggio è causata dai funghi Diplodia gossypina, Pestalotia sp., Phomopsis sp., Gloeosporium sp. E Rhizopus nigricans.

Un importante problema fisiologico chiamato "gamboge" è evidenziato dallo stillicidio di lattice sulla superficie esterna dei frutti e sui rami durante i periodi di piogge abbondanti e continue. Non influisce sulla qualità del cibo. La rottura della frutta può verificarsi a causa dell'eccessivo assorbimento di umidità. Nei frutti spezzati la polpa sarà gonfia e pastosa. I lividi causati dalla forza delle tempeste possono essere un fattore importante in entrambe queste anomalie. Anche i frutti esposti a un forte sole possono trasudare lattice. I mangostani prodotti in Honduras hanno spesso "pietre" cristalline nella carne e possono rendere il frutto completamente immangiabile.

Per selezionare i migliori frutti da tavola, scegli quelli con il maggior numero di lobi dello stigma all'apice, poiché questi hanno il maggior numero di segmenti carnosi e di conseguenza il minor numero di semi. I numeri corrispondono sempre. I mangostani vengono solitamente consumati freschi come dessert. Basta tenere il frutto con l'estremità dello stelo verso il basso, prendere un coltello affilato e tagliare completamente la metà attraverso la buccia e sollevare la metà superiore, che lascia i segmenti carnosi esposti nella "tazza" colorata - la metà inferiore della cotenna. I segmenti vengono sollevati con una forca.

I segmenti carnosi a volte vengono inscatolati, ma si dice che perdano il loro sapore delicato durante l'inscatolamento, specialmente se pastorizzati per un massimo di 10 minuti. I test hanno dimostrato che è meglio usare uno sciroppo al 40% e sterilizzare per soli 5 minuti. I frutti più acidi sono i migliori per la conservazione. Per fare la marmellata, in Malesia, i segmenti senza semi vengono fatti bollire con una quantità uguale di zucchero e qualche chiodo di garofano per 15-20 minuti e poi messi in barattoli di vetro. Nelle Filippine, una conserva viene prodotta semplicemente facendo bollire gli spicchi nello zucchero di canna e i semi possono essere inclusi per arricchire il sapore.

I semi a volte vengono mangiati da soli dopo l'ebollizione o la tostatura.

La scorza è ricca di pectina. Dopo il trattamento con cloruro di sodio al 6% per eliminare l'astringenza, la scorza viene trasformata in una gelatina violacea.

Valore alimentare per 100 g di porzione commestibile *
Calorie 60-63
Umidità 80,2-84,9 g
Proteina 0,50-0,60 g
Grasso 0,1-0,6 g
Carboidrati totali 14,3-15,6 g
Zuccheri totali 16,42-16,82 g
(saccarosio, glucosio e fruttosio)
Fibra 5,0-5,1 g
Cenere 0,2-0,23 g
Calcio 0,01-8,0 mg
Fosforo 0,02-12,0 mg
Ferro 0,20-0,80 mg
Tiamina 0,03 mg
Acido ascorbico 1,0-2,0 mg

* Valori minimi / massimi dalle analisi effettuate nelle Filippine e Washington, D.C.

La fitina (un composto organico del fosforo) costituisce fino allo 0,68% in peso secco. La polpa rappresenta il 31% del frutto intero.

I rametti di mangostano sono usati come bastoncini da masticare in Ghana. La scorza del frutto contiene dal 7 al 14% di tannino catechina e colofonia, ed è utilizzata per la concia delle pelli in Cina. Produce anche una tintura nera.

Legno: in Thailandia, tutti gli alberi non portanti vengono abbattuti, quindi il legno è disponibile ma di solito solo in piccole dimensioni. È marrone scuro, pesante, quasi affonda nell'acqua ed è moderatamente resistente. È stato utilizzato per realizzare manici per lance, anche martelli da riso, ed è impiegato nell'edilizia e nella falegnameria.

Usi medicinali: la frutta secca viene spedita da Singapore a Calcutta e in Cina per uso medicinale. La cotenna tagliata ed essiccata viene polverizzata e somministrata per superare la dissenteria. Trasformato in un unguento, viene applicato su eczema e altri disturbi della pelle. Il decotto di scorza viene assunto per alleviare diarrea e cistite, gonorrea e glee e viene applicato esternamente come lozione astringente. Una parte della scorza viene messa a bagno in acqua durante la notte e l'infuso viene somministrato come rimedio per la diarrea cronica negli adulti e nei bambini. I filippini utilizzano un decotto di foglie e corteccia come febbrifugo e per trattare mughetto, diarrea, dissenteria e disturbi urinari. In Malesia, un infuso di foglie, combinato con banana acerba e un po 'di benzoino, viene applicato sulla ferita della circoncisione. Viene preso un decotto di radice per regolare le mestruazioni. Un estratto di corteccia chiamato "amibiasina", è stato commercializzato per il trattamento della dissenteria amebica.

La buccia dei frutti parzialmente maturi produce un derivato poliidrossi-xantone chiamato mangostina, anche ß-mangostina. Quella dei frutti completamente maturi contiene gli xantoni, la gartanina, l'8-disossichiaranina e la normangostina. Un derivato del mangostin, mangostin-e, 6-di-O -glucoside, è un depressivo del sistema nervoso centrale e provoca un aumento della pressione sanguigna.


Albero Di Mangostano In Crescita Dai Semi

Uno dei vantaggi di piantare semi di mangostano è che il frutto è difficile da trovare negli Stati Uniti e le importazioni fresche nel paese sono estremamente rare.
Gli alberi di mangostano prosperano con un'abbondanza di acqua in un terreno ricco di sostanze organiche, come compost organico, terriccio sabbioso e miscele di terreno simili ad alto contenuto di sostanze nutritive. Ma per farli crescere dal seme e farli partire nel modo giusto, è fondamentale eseguire i seguenti passaggi:

  1. Seleziona i semi più sani, umidi e sodi. I semi che sono maturati sull'albero e hanno un centro biancastro sono i migliori.
  2. Per prima cosa dobbiamo far germogliare i semi. Inumidisci i tovaglioli di carta con acqua purificata a temperatura ambiente e posiziona i semi a circa mezzo pollice di distanza e avvolgili liberamente in un rotolo.
  3. Metti il ​​rotolo di semi umido in un sacchetto di plastica richiudibile e conserva in frigorifero fino a quando non sei pronto per piantare i semi. Puoi anche posizionare il rotolo di semi su un piccolo piatto umido e coprirlo con della plastica per conservarlo anche in frigorifero.
  4. Quando sei pronto per piantare, metti i semi in acqua purificata e lasciali in ammollo per 12-24 ore.
  5. Mescola parti uguali di compost organico, terriccio sabbioso e terreno normale non trattato in un secchio da giardino o una carriola. Spezza e mescola il terreno con uno strumento da giardino.
  6. Riempi una piccola pentola da 8 pollici con del terreno a pochi centimetri dal bordo. Metti un seme al centro di ogni pentola e la copertura con il terreno fino a raggiungere circa un pollice dal bordo della pentola.
  7. Innaffia bene la miscela di terreno, fino a quando non drena dal fondo.
  8. Posiziona il vaso in un'area che riceverà sicuramente un minimo di 12 ore di luce solare al giorno e innaffia regolarmente, mantenendo il terreno umido.
  9. Attendi da sei a otto settimane affinché il seme completi il ​​suo ciclo di germinazione e circa tre anni e quando la pianta raggiunge un'altezza di circa 48 pollici.
  10. Trova un posto all'aperto con una discreta quantità di protezione dal vento e ripiantare l'albero nel terreno preparato con il terreno appropriato.
  11. Picchietta l'albero, se necessario.


Come prendersi cura di una pianta di mangostano

Puoi iniziare il mangostano dal seme: piantare semi di circa ½ pollice di profondità nel muschio di torba umido in vasi da vivaio. Aspettatevi la germinazione entro 2-3 settimane. Assicurati di fornire alle giovani piantine un'ombra dal 50 al 75 percento per i primi 3-4 anni di vita.

Dopo 6-8 anni, il tuo mangostano dovrebbe iniziare a produrre da 100 a 200 frutti ogni anno. Gli alberi più vecchi produrranno fino a 500 o 1.000 frutti.

Nelle aree tropicali come Porto Rico, il mangostano produce frutta da luglio a dicembre.

Il mangostano (Garcinia mangostana) è un albero da frutto tropicale della Malesia che produce un frutto interessante, che contiene sostanze nutritive e antiossidanti che potrebbero essere utili per il cuore, l'artrite e altri disturbi. Esistono due tipi principali di mangostani: viola e giallo. I mangostani viola crescono molto lentamente e non producono frutti fino a quando non hanno circa 10 anni. Tuttavia, i mangostani gialli crescono più velocemente e sono più facili da coltivare. Se riesci a trovare semi o una giovane pianta della varietà gialla, avrai maggiori probabilità di vedere i frutti entro pochi anni dalla piantagione di un albero di mangostano. Se vivi sotto i 5.000 piedi di altitudine dove le temperature invernali non scendono mai sotto i 40 gradi Fahrenheit, puoi coltivare il mangostano.

Prepara la tua area di semina alcune settimane prima di pianificare di piantare il tuo albero di mangostano. Scegli un'area ombreggiata con terreno ricco e ben drenante che abbia un pH leggermente acido.

  • Il mangostano (Garcinia mangostana) è un albero da frutto tropicale della Malesia che produce un frutto interessante, che contiene sostanze nutritive e antiossidanti che potrebbero essere utili per il cuore, l'artrite e altri disturbi.
  • Se riesci a trovare semi o una giovane pianta della varietà gialla, avrai maggiori probabilità di vedere i frutti entro pochi anni dalla piantagione di un albero di mangostano.

Scava una buca profonda circa 2 piedi per 2 piedi intorno e poi riempila con terriccio, letame di pollo e compost. Quindi lascialo riposare per un massimo di quattro settimane e poi pianta il tuo giovane albero.

Fornisci ombra al tuo albero di mangostano per i suoi primi 2-3 anni nel terreno. Puoi farlo costruendo un semplice telaio ad A che copri con il 50% di tessuto ombreggiante. Puoi anche piantare il tuo albero vicino a un altro albero che lo ombreggerà e quindi rimuovere l'altro albero quando il tuo mangostano sarà più grande.

Distribuisci il pacciame sotto l'albero per fornire nutrimento, controllare le erbacce e aiutare a mantenere il terreno umido.

Innaffia bene il tuo albero due o tre volte alla settimana. Controlla l'umidità del terreno per assicurarti che dreni bene e non faccia vivere il tuo albero in un terreno costantemente inzuppato.

  • Scava una buca profonda circa 2 piedi per 2 piedi intorno e poi riempila con terriccio, letame di pollo e compost.
  • Fornisci ombra al tuo albero di mangostano per i suoi primi 2-3 anni nel terreno.

Fertilizzare il mangostano ogni tre o quattro mesi con una soluzione diluita di cibo vegetale bilanciato, come uno con un rapporto N-P-K di 16-16-16 o un fertilizzante organico come l'emulsione di pesce. Continua con questo regime fino a quando il tuo albero ha tre anni, quindi concima solo una o due volte all'anno.

Controlla gli insetti nocivi come i tripidi non appena li vedi. I parassiti degli insetti e le malattie del mangostano non sono comuni. Puoi controllare malattie come la ruggine e il cancro del fusto fornendo protezione solare e frangivento quando gli alberi sono piccoli. Puoi anche controllare queste malattie con spray ossicloruro di rame.


La descrizione del mangostano è divertente! Il mangostano (Garcinia mangostana) è un albero tropicale originario dell'Indonesia. L'albero stesso cresce da 20-80 piedi di altezza. La corteccia dell'albero è di colore marrone molto scuro, quasi nero. L'albero cresce lentamente e impiega circa due anni per leggere 12 pollici di altezza. Ha foglie corte, di cuoio come sempreverdi. Quando l'albero fiorisce, i suoi fiori sono larghi 12 pollici e crescono in gruppi di 3-6 sulla punta dei rami. L'albero è ultra tropicale, quindi non può tollerare temperature inferiori a 40F o superiori a 100F.

Il frutto del mangostano ha le dimensioni di un mandarino e ha un colore viola intenso quando è maturo. All'interno del frutto, c'è una polpa bianca traslucida aromatizzata agli agrumi con un sapore e una consistenza dolce e piccante come la pesca. Il primo raccolto di frutta dall'albero avviene circa 7-9 anni dopo che l'albero è stato piantato, tuttavia di solito è più lungo le linee di 10-20. La resa in frutta dell'albero varia. La media è di 500, ma alcuni alberi ne producono fino a 5.000. Alcuni alberi vivono fino a 100 anni e continueranno a produrre frutti fino ad allora.

Il mangostano non è imparentato con un frutto di mango.

Descrizione del mangostano: benefici del frutto del mangostano

Il frutto è stato utilizzato sia localmente che internamente. Il mangostano è ricco di xantoni e ogni porzione di frutta offre 5 g di fibre. La polpa viola scuro della scorza esterna (nota come pericarpo del mangostano) è stata utilizzata come colorante in molte comunità.

La scorza del mangostano è stata utilizzata macinandola e applicando la frutta macinata sulla buccia o immergendola in acqua durante la notte e bevendola poi come un tè. La scorza è stata anche trasformata in un unguento e applicata direttamente sul frutto.

Gli xantoni nei mangostani possono aiutare con:

  • cartilage function
  • joint function
  • respiratory system
  • intestinal health
  • immune system
  • gets rid of free radical

Mangosteen Description: Mangosteen Fruit as Anti Inflammatory

The xanthones in mangosteens are anti-inflammatory. Dr. Kenneth J. Finsand says, “This is probably the most famous use of all the qualities found in the mangosteen: it is by far the most powerful anti-inflammatory I have ever seen in 30 years of practice. Research has proven this to be true, along with folk medicine history.”

Mangosteen as an anti-inflammatory is terrific because it doesn’t cause a lot of the negative side effects one experiences from taking a prescribed medication.

Mangosteen for Sinus Problems

There was a study in Japan that reported mangosteens prevent histamine reactions that cause allergies and sinus problems. While many people have reported relief from sinus problems while eating the fruit or drinking it, the fruit itself has not been officially reported as an effective treatment.

  • Sunsteen
  • Xango
  • Advance Physician Formulas
  • California Academy of Health


More Articles

Written on: December 03, 2020

The mangosteen is a sweet, tropical fruit that grows on trees that can reach 80 feet tall in the wild. Purdue University classifies mangosteen as an ultratropical plant, meaning it cannot withstand temperatures below 4.44 degrees Celsius or above 37.8 degrees Celsius.

For this reason, the tree has not adapted well to planting in many parts of the world. You can grow a tree in a container as long as you can provide for the mangosteen's climate and other needs.

  • The mangosteen is a sweet, tropical fruit that grows on trees that can reach 80 feet tall in the wild.
  • You can grow a tree in a container as long as you can provide for the mangosteen's climate and other needs.

Fill a large planting pot two-thirds full with well-draining, organic soil. At its smallest, this tree grows above 15 feet, so you will need an extremely large pot with drainage holes for this plant. Use only organic, well-draining soil and specify these needs at the garden centre or nursery where you purchase the soil. The mangosteen will not thrive in other soil.

Soak your mangosteen seed in water for 24 hours before planting to increase the chance of germination, recommends the Purdue University Extension Service. Water the soil in your pot so water runs out the drainage hole. Insert the mangosteen seed into the soil and cover the seed with about 1 inch of soil.

  • Soak your mangosteen seed in water for 24 hours before planting to increase the chance of germination, recommends the Purdue University Extension Service.

Place the container in an area of your home that remains constantly above 7.22 degrees Celsius and below 37.8 degrees Celsius. The area should have a high humidity (constantly above 65 per cent). The plant should receive six to eight hours of daily indirect sunlight or light from a grow light.

Water the mangosteen constantly. In the wild, the tree grows best in areas that receive between 60 and 80 inches of water per year, which means it needs at least 1½ inches of water per week. Water any time the top inch of soil feels dry to the touch.


Alberi da frutta

Grow your own fruits right here on Kauai. Check out our selection of fruit trees for sale then come and pick up a few to plant in your yard!

Avocado Trees


Kauai Seascapes Nursery has many varieties of avocado trees for sale. Different types of avocado trees produce fruit at various times of the year. By planting the right mix of avocado tree varieties you may harvest avocados year-round.

Citrus Trees


Kauai Seascapes Nursery has many varieties of citrus trees for sale. We offer mainly semi-dwarf citrus trees. Standard sized citrus trees are available by special order.

Fig Trees


Figs are delicious and easy to grow. Figs are eaten fresh, made into preserves, cakes and dessert fillings. The small deciduous trees grow in most areas of Hawaii. The fruit is borne on the new flush several times a year. Do not be alarmed when the tree loses its leaves in the winter, new growth and fruit will appear soon after.

Jaboticaba


The trees are slow growing and stay about 15‘ in Hawaii. The round purple fruit are borne directly on the trunk and branches. The fruit is sweet and delicious, somewhat like a ‘Concord Grape’. The skin is a bit tough. The trees bear fruit several times a year. The fruit makes excellent jelly (the best I’ve ever had!) and a great wine. There are 2 types available in Hawaii. The small fruited type, fruits about one inch, is called ‘Murta’. The large fruited type, fruit almost two inches is called ‘Paulista’.

Longan Trees


Longans are usually eaten fresh but are also dried, canned, or made into delicious dessert sauces and sorbets. It is a delicious, juicy fruit with a very sweet flavor, and a single seed. It is a large spreading tree which is easily managed with annual pruning. It produces best below 2000’.

Mango Trees


Kauai Seascapes Nursery has many varieties of mango trees for sale. Different types of mango trees produce fruit at various times of the year. By planting the right mix of mango tree varieties you may harvest mangoes May – October.

Mangosteen


The “Queen of Fruits,” Mangosteen is a round, purple-brown, smooth, thick-skinned fruit. The fruit is apple-sized, white fleshed and considered the most delicious fruit in the world. The slow growing trees require tropical conditions, needing plenty of moisture and protection from wind. The trees take between 7-12 years to fruit, depending on care and location.

Mountain Apple


Mountain Apple, whether the ‘Red’ or ‘White’ variety, are delicious fresh eating fruits and grown easily in most backyards. The trees can get large and produce abundant fruit several times a year. The ‘Red’ variety is easier to market as it does not show blemishes to the skin. The ‘White’ variety will turn slightly pink if left on the tree until fully ripe. The flowers appear directly on the trunk and branches and soon fall, carpeting the ground a beautiful crimson red or snow white.

Mulberry


Fruits in March-April. The abundant fruit of this fantastic tree is about one inch long, dark purple when ripe, sweet and tasty. The fruit is delicious eaten fresh and can easily be made into jams, pie fillings or colorfully added to a fruit salad. The trees thrive in most locations here and can be maintained in bush fashion with ease. They fruit more abundantly after each trimming, as the berry is borne on the new growth.

Rollinia Deliciosa


Rollinia deliciosa is a fast-growing Annona from tropical America. It is a medium-sized tree of less than 15 feet in height, and bears within 3 years with proper care. The sweet delicious custard-like fruit is best eaten fresh or made into a smoothie.

Starfruit Trees


The Starfruit is beautiful, easy to grow, early bearing tree. The yellow, star-shaped fruit are abundant, juicy and sweet. The Starfruit is usually eaten fresh, with the skin and is often used as a beautiful garnish or palate cleanser.


Guarda il video: Ciliegio, pero, pesco in orto a 2 anni dal trapianto