Agave o aloe - Come distinguere l'agave e l'aloe

Agave o aloe - Come distinguere l'agave e l'aloe

Di: Becca Badgett, co-autrice di How to Grow an EMERGENCY Garden

Spesso acquistiamo piante succulente etichettate in modo improprio e, a volte, non c'è alcuna etichetta. Una di queste situazioni può verificarsi quando acquistiamo agave o aloe. Le piante sembrano simili e, se non le hai coltivate entrambe, è facile confonderle. Continua a leggere per saperne di più sulle differenze di aloe e agave.

Piante di aloe e agave: qual è la differenza?

Mentre entrambi richiedono condizioni di crescita e cure simili (tolleranti alla siccità e amano il pieno sole), ci sono enormi differenze interne tra aloe e agave, ed è importante conoscerle in alcune situazioni.

Ad esempio, le piante di aloe vera contengono un liquido medicinale che possiamo usare per ustioni e altre irritazioni cutanee minori. Non vorremmo provare a rimuoverlo da un'agave. Mentre l'aspetto delle piante è simile, le agavi vengono utilizzate per creare corde da foglie fibrose mentre l'interno dell'aloe contiene una sostanza gelatinosa.

Il succo di aloe viene consumato in vari modi, ma non farlo con l'agave, come ha scoperto una donna nel modo più duro dopo aver mangiato accidentalmente una foglia di un'agave americana, pensando che fosse aloe. La sua gola divenne insensibile e il suo stomaco dovette pompare. Si è ripresa dall'ingestione della pianta velenosa; tuttavia, è stato un errore doloroso e pericoloso. Un motivo in più per conoscere la differenza tra aloe e agave.

Ulteriori differenze di aloe e agave includono i loro punti di origine. L'aloe proviene originariamente dalla penisola dell'Arabia Saudita e dal Madagascar, dove si è poi diffusa e sviluppata nell'area mediterranea. Lo sviluppo di alcune specie ha portato a coltivatori invernali, mentre altri crescono in estate. È interessante notare che alcune aloe crescono in entrambe le stagioni.

L'agave si è sviluppata più vicino a casa per noi, in Messico e nel sud-ovest americano. Un esempio di evoluzione convergente, l'aloe e l'agave sono solo lontanamente imparentati dai tempi in cui i dinosauri vagavano per la terra. Le loro somiglianze sono iniziate circa 93 milioni di anni fa, secondo i ricercatori.

Come distinguere l'agave e l'aloe

Mentre le somiglianze possono causare confusione ed evocare il pericolo come accennato, ci sono alcuni semplici modi per imparare fisicamente a distinguere l'agave e l'aloe.

  • L'aloe ha più fiori. L'agave ne ha solo uno e spesso muore dopo la sua fioritura.
  • L'interno delle foglie di aloe è gelatinoso. L'agave è fibrosa.
  • La durata della vita dell'aloe è di circa 12 anni. Gli esemplari di agave possono vivere fino a 100 anni.
  • Le agave sono più grandi dell'aloe, nella maggior parte dei casi. Ci sono eccezioni, come con l'aloe (Aloe bainesii).

In caso di dubbio, non consumare la pianta a meno che tu non sia sicuro che sia un'aloe. Il gel all'interno è la migliore indicazione.

Questo articolo è stato aggiornato l'ultima volta il

Maggiori informazioni sulla cura generale dei cactus


Agave, Bromeliacee e Succulente

Le piante grasse sono un gruppo di piante con steli, foglie o radici spessi e carnosi progettati per trattenere l'acqua. Cactus, aloe, sedum e "galline e pulcini" sono solo alcuni esempi di piante succulente.

Facili da curare e resistenti alla siccità, le piante grasse sono disponibili in tutti i tipi di forme, trame e colori interessanti. Poiché sono adattati per sopravvivere a condizioni di siccità, non hanno bisogno di molta acqua supplementare. Nel clima piovoso e umido della Florida, la maggior parte cresce meglio in contenitori. Inizia con un contenitore poco profondo di argilla o terracotta con fori di drenaggio. Scegli alcune piante grasse con forme contrastanti e mettile in un terreno ben drenato con spazio per crescere. Per un tocco finale, ricopri la superficie del terreno con ghiaia.

Comunemente scambiato per cactus o piante di aloe, l'Agave è un genere separato con caratteristiche molto distinte. Originario degli Stati Uniti sudoccidentali e del Messico, ci sono oltre 200 specie di piante di agave.

Le bromelie si distinguono per le loro foglie audaci e spesso colorate e per le punte di fiori esotici che molte bromelie producono. La maggior parte delle bromelie sono tropicali o subtropicali e possono essere coltivate all'aperto in aree prive di gelo della Florida e all'interno come piante d'appartamento in qualsiasi spazio che riceva una luce intensa e diffusa.


Abitudini fiorite

Le piante di aloe fioriscono ogni anno, di solito durante l'inverno e la primavera nei climi mediterranei, anche se alcune varietà continueranno a fiorire sporadicamente tutto l'anno. Fiori multipli sono prodotti in formazione a spiga nella parte superiore di un alto stelo. I colibrì e altri tipi di uccelli sono attratti dai fiori per il loro nettare. Le piante del secolo fioriscono solo una volta, comunemente dopo che la pianta ha 10 anni. Producono un picco di fiori che può essere alto fino a 25 piedi con fiori gialli profumati nella parte superiore che attirano pipistrelli e uccelli. La pianta madre muore dopo la fioritura, ma non prima di produrre nuovi offset.


Agavi e cactus hanno entrambi spine, punte, spine o spine

La presenza di quelle spine o spine sulle agavi le fa ricordare i cactus, la cui caratteristica principale secondo me sono quelle spine aggressive.

Cosa li distingue? Come puoi dire che le agavi e altre piante grasse con punte appuntite non sono effettivamente cactus, ma piuttosto diversi tipi di piante grasse che non appartengono alla famiglia dei cactus?

  • Le piante di cactus generalmente hanno poche o nessuna foglia.
  • I cactus si distinguono dal resto delle piante grasse per le rientranze arrotondate lungo i loro steli. Si tratta di gemme modificate chiamate "areole". Dalle areole scaturiscono le spine (solitamente) per le quali i cactus sono più conosciuti.

Quindi, a differenza di un'agave, che è abbastanza vicino a tutte le foglie, i cactus hanno poche o nessuna foglia.

Seconda differenza visiva: le areole di una pianta di cactus, che sono rientranze arrotondate nei cactus che spuntano dalle spine (colloquialmente note come "spine").

Quindi, a differenza delle agavi, dove i pezzi veramente appuntiti della pianta fiancheggiano i lati delle foglie (foglie che i cactus in genere non hanno in primo luogo), le spine dei cactus provengono da rientranze nei loro steli, le areole, rendendole visivamente un po ' diverso.

Se osservi attentamente queste rientranze su una pianta e noti che le spine provengono da esse, questa differenza da sola dovrebbe essere in grado di dire se la pianta è un cactus o meno. Esistono rientranze e le spine vengono da loro? Probabilmente un cactus. Spine su una foglia? Probabilmente un diverso tipo di succulenta, che non è un cactus, ma che ha spine che lo rendono comunque visivamente più simile a un cactus.


L'aloe e l'aloe vera sono nomi di piante strettamente correlate tra loro, e quindi hanno molte cose in comune, tuttavia ci sono differenze nette tra le due piante.

La principale differenza tra aloe e aloe vera è la loro classificazione o classificazione nella tassonomia. La tassonomia è la gerarchia degli esseri dal genere generico a quello specifico di organismi viventi. Tra i due, l'aloe è considerata il genere e l'aloe vera è la specie. Nella tassonomia, l'aloe come genere è più alta e l'aloe vera come specie è inferiore. Ciò significa che il genere è una categoria generale e la specie è una categoria specifica. In una specie viene menzionato il nome effettivo dell'organismo. In virtù del rango, l'aloe e l'aloe vera condividono lo stesso regno, phylum, classe, famiglia e sottofamiglia.

A causa della tassonomia, ci sono somiglianze sovrapposte tra aloe e aloe vera. Sia l'aloe che l'aloe vera possono crescere in molti luoghi e adattarsi a climi diversi. Condividono anche molte caratteristiche come foglie spesse e carnose con il colore dal verde al grigio-verde. Le sue foglie sono seghettate a causa dei piccoli "denti" bianchi che rivestono i bordi delle foglie. Le piante hanno un fusto molto piccolo e hanno un motivo a rosetta. I fiori sono caratterizzati come tubolari e sbocciano in estate in diversi colori di giallo, arancio e rosso. Le aloe, insieme alle loro 400 specie, sono piante grasse o che trattengono l'acqua. Ciò è dovuto al clima in Africa, dove ha avuto origine la pianta.

Le specie di aloe (inclusa l'aloe vera) sono per lo più ornamentali con alcuni attributi medicinali. L'aloe e le sue specie, vale a dire l'aloe vera, l'aloe perryi e l'aloe ferox, sono state utilizzate come piante medicinali sin dagli antichi greci fino ai tempi moderni. I suoi usi sono diversi: dal trattamento di ustioni, tagli, graffi, ferite, prurito, punture di insetti e infezioni della pelle. L'aloe contiene acido salicilico, un componente che agisce come agente lenitivo sulla pelle.

È stata una medicina tradizionale a base di erbe di Cina, Giappone, Russia, Arabia Saudita, Stati Uniti, Giamaica, America Latina e India. Come pianta ornamentale, l'aloe e le sue specie sono considerate piante decorative e hanno una presenza costante in un giardino o sono spesso poste in vaso. Può essere coltivato all'aperto o al chiuso. Le sue proprietà medicinali sono anche uno dei motivi per cui le famiglie hanno spesso questa pianta nei loro cortili. Elimina anche le tossine come la formaldeide dall'aria.

Come specie, l'aloe vera è la specie di aloe più ampiamente riconosciuta e popolare. È spesso usato come uno degli ingredienti in varie miscele come creme idratanti e anti-irritanti per la pelle. I suoi semi sono utilizzati anche come biocarburante. Inoltre, può essere utilizzato come lassativo o come sostanza alimentare grazie alle sue proprietà gelificanti.

L'aloe vera si presenta anche sotto forma di succo usato per rivivere condizioni come il bruciore di stomaco e la sindrome dell'intestino irritabile. La linfa di aloe vera è un ingrediente comune nel trucco, nei tessuti, nei saponi, nei filtri solari, nell'incenso, nelle creme da barba e negli shampoo. Altri usi includono l'inseminazione artificiale negli ovini e la conservazione dell'acqua negli allevamenti. L'aloe vera è descritta come non tossica e non ha effetti collaterali noti dopo la rimozione dell'aloina.

Sommario:

1.La principale differenza tra aloe e aloe vera è la loro classificazione scientifica o tassonomia. L'aloe è classificata come un genere, mentre l'aloe vera è una specie. Come genere, l'aloe è classificata più in alto dell'aloe vera.
2.Aloe ha 400 specie e l'aloe vera è solo una di queste specie.
3.Le somiglianze si sovrappongono nel parlare di aloe e aloe vera. La maggior parte degli attributi dell'aloe vera si riflettono anche nelle altre specie di aloe. Ciò include i suoi attributi e usi come medicina tradizionale.


Guarda il video: Come coltivare Agave attenuata.