Piante grasse e acqua piovana: qual è l'acqua migliore per le piante grasse

Piante grasse e acqua piovana: qual è l'acqua migliore per le piante grasse

Di: Becca Badgett, co-autrice di How to Grow an EMERGENCY Garden

Proprio quando pensi di aver capito le piante succulente di facile manutenzione, senti che la tua acqua del rubinetto fa male alle piante. Continua a leggere per saperne di più sul tipo di acqua da usare per le piante grasse in casa e in giardino.

Problemi di acqua succulenta

Se ci sono macchie sulle foglie delle tue piante grasse o un accumulo bianco sul terreno o su un contenitore di terracotta, potresti usare acqua inadeguata per le piante grasse. L'acqua sbagliata può rendere il terreno alcalino, non una buona situazione di crescita. Molti coltivatori domestici hanno inconsapevolmente causato danni alle piante quando annaffiano cactus e piante grasse con l'acqua del rubinetto.

Se l'acqua del rubinetto proviene da una fonte comunale (acqua di città), probabilmente contiene cloro e fluoro, nessuno dei quali ha nutrienti benefici per le tue piante. Anche l'acqua di pozzo filtrata per essere addolcita include sostanze chimiche che si traducono in sali e acqua alcalina. L'acqua del rubinetto dura ha una quantità significativa di calcio e magnesio, che causa anche problemi di irrigazione succulenta. A volte, lasciare riposare l'acqua per un giorno o due prima di usarla migliora la qualità e lascia il tempo per dissipare alcune sostanze chimiche, ma non sempre.

Acqua ideale per piante grasse

L'intervallo di pH ideale è inferiore a 6,5, giusto a 6,0 per la maggior parte delle piante grasse, che è acido. Puoi acquistare un kit di test per determinare il pH della tua acqua e prodotti per abbassare il pH. L'aggiunta di aceto bianco o cristalli di acido citrico può abbassare il pH. Ma devi ancora conoscere il pH dell'acqua del rubinetto per assicurarti di aggiungere la quantità corretta. Puoi anche acquistare acqua distillata. La maggior parte di queste opzioni sono fastidiose e possono diventare costose, a seconda di quante piante devi annaffiare.

Una soluzione più semplice e naturale è raccogliere l'acqua piovana per annaffiare le piante grasse. La pioggia è acida e rende le radici succulente in grado di assorbire meglio i nutrienti. L'acqua piovana contiene azoto, noto per essere benefico per le piante tradizionali, ma spesso sconsigliato per l'uso nell'alimentazione delle piante grasse. Tuttavia, non sembra essere un problema se trovato nell'acqua piovana. La pioggia diventa ossigenata mentre cade e, a differenza dell'acqua del rubinetto, passa questo ossigeno al sistema di radici succulente, mentre scarica i sali accumulati dal terreno delle piante.

Le piante grasse e l'acqua piovana sono una combinazione perfetta, entrambe sono naturali e manipolate dalle loro condizioni attuali. Mentre il processo di raccolta dell'acqua piovana è spesso dispendioso in termini di tempo e dipende dal tempo, vale la pena fare uno sforzo quando si cerca il modo migliore per annaffiare le piante grasse.

Ora che conosci le opzioni, puoi decidere quale tipo di acqua usare per le piante grasse mentre osservi i risultati sulle tue piante.

Questo articolo è stato aggiornato l'ultima volta il

Maggiori informazioni su General Cactus Care


10 migliori consigli e guida su come prendersi cura delle piante grasse

SLe ucculenti sono piante che utilizzano foglie carnose e ispessite e anche gambi gonfi che immagazzinano l'acqua. Prenditi cura delle piante grasse perché potrebbero cavarsela con le risorse idriche. Ad esempio, rugiada e nebbia, che li rendono tolleranti a questa stagione secca.

C'è un vasto assortimento di piante grasse che attraversano diverse famiglie di piante, e anche molte persone fantastiche collaborano con le piante grasse Cactaceae, la famiglia della flora del deserto. È necessario imparare a prendersi cura delle piante grasse e il modo per mantenere le piante sane e felici.

Hai sentito che le piante grasse sono le piante meno esigenti a cui pensare?

The Succulent Source è qui per mostrarti come prenderti cura delle piante grasse. Nonostante non sia necessario essere un vivaista esperto per prenderti cura delle tue piante grasse.

Tieniti lontano da ulteriori perdite di piantagione saltando nel nostro manuale veloce ma completo per una considerazione succulenta.

È sostenuto dal famoso scrittore e designer di giardini londinesi Caro Langton e Rose Ray all'interno del loro nuovo libro di pubblicazione La casa delle piante: convivere con piante grasse, piante aeree e cactus


Come evitare di uccidere le tue piante grasse indoor

Le piante grasse sono in genere adatte alla vita al chiuso. Possono persino adattarsi a condizioni tutt'altro che ideali e tollerare un po 'di abbandono. Tuttavia, nessuna succulenta può sopravvivere in condizioni scadenti per sempre. Alla fine, un'illuminazione inadeguata, un'irrigazione errata, malattie o parassiti avranno il loro pedaggio. Una volta che le tue piante iniziano a sembrare malate, devi agire rapidamente a destra del problema. La maggior parte delle piante grasse malate torna in vita con alcuni semplici cambiamenti al loro ambiente o alla routine di cura.

Acqua e umidità del suolo

Uno dei modi più rapidi per uccidere le piante grasse indoor è annaffiarle in modo errato. Le piante usano le loro foglie spesse e carnose per immagazzinare l'acqua. Faranno affidamento su queste riserve d'acqua per sopravvivere in condizioni di siccità, ma necessitano comunque di annaffiature regolari per prosperare. Tuttavia, troppa acqua è mortale per queste piante. Dalla primavera all'autunno, quando la crescita è più attiva, innaffia la tua succulenta quando la parte superiore (2,5 cm) del terreno si sente secca al tatto. Versare acqua fresca nella pentola fino a quando non inizia a drenare dai fori sul fondo della pentola. Lascia che tutta l'acqua in eccesso si scarichi completamente. Per la maggior parte delle piante succulente in vaso, questo significa annaffiare almeno una volta alla settimana. Durante la stagione di crescita inattiva o l'inverno, innaffia quando la pianta è quasi secca o quando il terreno è per lo più asciutto al tatto. Come regola generale, dovrai annaffiare circa una volta al mese in inverno. Se le tue piante grasse appaiono sgonfie o avvizzite durante questa stagione, potresti dover annaffiare più spesso. È meglio annaffiare troppo poco che troppo finché non si decide il programma di irrigazione ideale.

Accumulo di minerali e danni causati dall'acqua

Le tue piante grasse morenti potrebbero subire danni a causa degli additivi per il trattamento dell'acqua. L'acqua del rubinetto contiene minerali e altri additivi che si accumulano nel terreno e possono danneggiare le radici e causare una scarsa crescita o addirittura la morte. Se usi un addolcitore d'acqua in casa, i sali in eccesso possono anche danneggiare le tue piante grasse. Un segno rivelatore di accumulo di sali minerali o sali è una crosta bianca sulla superficie del terreno o lungo i lati della pentola. Se non riesci a raccogliere l'acqua piovana, prova ad annaffiare con acqua distillata o acqua che è stata filtrata per rimuovere i minerali. Per lo meno, lasciare l'acqua del rubinetto sul bancone durante la notte prima di usarla consente ad alcuni prodotti chimici di trattamento di disperdersi nell'aria. Se sospetti che la colpa sia dell'accumulo di minerali o dei prodotti chimici per il trattamento dell'acqua, hai due opzioni. Innanzitutto, puoi lavare il terreno di ogni pianta con abbondante acqua piovana, acqua filtrata o acqua distillata per sciacquare via i minerali in eccesso. In secondo luogo, puoi rinvasare la pianta, prestando particolare attenzione a battere delicatamente un po 'ma non tutto il vecchio terreno dalle radici.

Condizioni di illuminazione

Le piante grasse in genere si comportano bene in una varietà di condizioni di illuminazione domestica. Non sempre si adattano bene a bruschi cambiamenti di luce. Se le tue piante grasse sono rimaste all'aperto per un lungo periodo o in un giardino ombreggiato e ora si trovano in condizioni opposte nella tua casa, potrebbero subire uno shock. La chiave per salvare le tue piante grasse è introdurle gradualmente alle condizioni di illuminazione della tua casa. Ad esempio, se erano esposti a una luce esterna diretta e intensa, spostarli prima sulla luce esterna indiretta. Dopo alcuni giorni, spostali in un punto leggermente più ombreggiato. Dopo qualche altro giorno, spostali all'interno vicino a una finestra soleggiata. Dopo circa una settimana, prova a trasferirli nella loro casa permanente. Se le tue piante grasse non rispondono troppo lentamente introducendole alle loro nuove condizioni di illuminazione, potrebbe essere che abbiano bisogno di più o meno luce per prosperare. Se li hai posizionati vicino a una finestra soleggiata con luce solare diretta e calda, prova a spostarli in un punto luminoso che non riceva luce diretta. Se si trovano in una posizione più ombreggiata, prova a spostarli in uno più luminoso. Se spostarli in una nuova posizione comporta un grande cambiamento, aggiusta le piante gradualmente. Dovresti notare un miglioramento entro una o due settimane.

Insetti e malattie

Le piante grasse che vivono in condizioni ottimali ma sembrano ancora malate probabilmente soffrono di malattie o infestazioni di insetti. Le piante grasse sono particolarmente sensibili a cocciniglie, acari, squame e moscerini. Le cocciniglie possono essere trattate applicando alcol denaturato sulle loro case bianche e sfocate con un batuffolo di cotone o un batuffolo di cotone. La scala, che assomiglia a scaglie o conchiglie marroni, può essere trattata allo stesso modo. Se non sei sicuro del tipo di parassita o malattia che potresti avere, applica un prodotto che contiene un miticida, un fungicida e un pesticida dal tuo centro di giardinaggio locale. Questi prodotti combinati contengono olio di neem, olio di pesce, olio di soia o altri tipi di olio, che creano condizioni in cui insetti, acari e altri parassiti non possono sopravvivere.

Collegamenti

SUCCULENTOPEDIA: Sfoglia le piante grasse per genere, famiglia, nome scientifico, nome comune, origine o cactus per genere

Iscriviti ora e tieniti aggiornato con le nostre ultime notizie e aggiornamenti.


La mia succulenta può essere salvata?

L'abbiamo fatto tutti. Pensi di aver ucciso la tua pianta. Ti senti malissimo per aver ucciso tuo figlio. La tua pianta può essere salvata o è persa per sempre? Dipende davvero dall'entità del danno alla pianta.

Il modo migliore per capirlo è esaminare l'intera pianta fino alle sue radici. Se vedi abbastanza radici vitali, la tua pianta potrebbe avere una possibilità. Ma se le radici sono marce, sono diventate nere o si sono secche e sono diventate marroni, le probabilità che tu possa salvare la tua pianta sono scarse.

Inoltre, esamina le diverse parti della tua pianta. Se la tua pianta ha ceduto al marciume radicale ma vedi che alcune parti della pianta sono ancora sode e non mollicce, potresti comunque essere in grado di salvare la pianta tagliando le parti molli e tenere e lasciando asciugare la parte che sembra ancora a posto e guarisci per alcuni giorni, poi aspetta per vedere se cresce radici.

Cose più strane sono successe alle mie piante. Spesso, quando penso di aver ucciso una pianta, questa torna miracolosamente e sopravvive. Le piante grasse e i cactus sono piante sorprendenti e resistenti. Quando viene data una possibilità, possono sopravvivere e prosperare nelle condizioni più difficili.

Ecco un succulento arrangiamento che ha subito un triste, triste destino. Riesco quasi a sentire la musica triste in sottofondo. Ho inviato questo bellissimo arrangiamento a mia madre come regalo per la festa della mamma due anni fa.

Ho trovato la fioriera in questo stato pietoso quando sono andata a trovarla quest'anno. Purtroppo, non sapeva nemmeno di aver ucciso le piante al suo interno. Vive in un clima umido con inverni molto freddi e gelidi, quindi ha avuto questa sistemazione al chiuso.

Le piante erano inondate e non ricevevano abbastanza luce. Le povere piante non avevano scampo. Questo purtroppo non può essere salvato. Posso dire che le piante sono marcite fino alle radici senza nemmeno smontarle.

Ci possono essere momenti in cui ti senti come se avessi provato di tutto e le piante non si fossero ancora rianimate. Il problema potrebbe nascondersi sotto le foglie e nel terreno. Se le tue piante sembrano malate e ad un'ispezione più attenta vedi piccoli insetti che strisciano e strisciano intorno, potresti avere un'infestazione da parassiti. Fare clic qui per suggerimenti e suggerimenti.

Pin questo per salvarlo per dopo o condividerlo con altri ora!


Guarda il video: Cosa fare con le piante grasse in autunno e inverno?