Informazioni sui Pinon Nut - Da dove vengono i Pinon Nuts

Informazioni sui Pinon Nut - Da dove vengono i Pinon Nuts

A cura di: Mary H. Dyer, scrittrice di giardini con credenziali

Cosa sono i pinon nuts e da dove vengono i pinon nuts? Gli alberi di Pinon sono piccoli alberi di pino che crescono nei climi caldi dell'Arizona, del Nuovo Messico, del Colorado, del Nevada e dello Utah, e talvolta si trovano fino all'Idaho. I popolamenti nativi di alberi di pino si trovano spesso a crescere insieme ai ginepri. Le noci trovate nei coni degli alberi di pinon sono in realtà semi, che sono molto apprezzati non solo dalle persone, ma dagli uccelli e da altri animali selvatici. Continua a leggere per saperne di più sugli usi dei pinon nut.

Informazioni sul Pinon Nut

Secondo l'estensione della New Mexico State University, i minuscoli pinon brown (si pronuncia pin-yon) salvarono i primi esploratori da una fame quasi certa. NMSU rileva anche che il pinon era fondamentale per i nativi americani, che utilizzavano tutte le parti dell'albero. Le noci erano una delle principali fonti di cibo e il legno era usato per costruire hogan o bruciato nelle cerimonie di guarigione.

Molti residenti dell'area continuano a utilizzare i pinon in modi molto tradizionali. Ad esempio, alcune famiglie macinano le noci in una pasta con un mortaio e un pestello, quindi le cuociono in empanadas. Le noci, che fanno anche spuntini saporiti e nutrienti, si trovano in molti negozi specializzati, spesso durante i mesi autunnali.

Pinoli e pinoli sono uguali?

No, non proprio. Sebbene la parola "pinon" derivi dall'espressione spagnola per pinolo, i pinoli crescono solo sugli alberi di pino. Sebbene tutti i pini producano semi commestibili, il sapore delicato del dado pinon è di gran lunga superiore. Inoltre, i pinoli della maggior parte degli alberi di pino sono così piccoli che la maggior parte delle persone concorda sul fatto che non valgono lo sforzo necessario per raccogliere le noci.

Pinon Nut Harvest

Sii paziente se vuoi provare a raccogliere i pinoli, poiché gli alberi di pino producono semi solo una volta ogni 4-7 anni, a seconda delle precipitazioni. La metà dell'estate è solitamente il momento migliore per la raccolta dei pinon.

Se vuoi raccogliere pinoli per scopi commerciali, avrai bisogno di un permesso per raccogliere da alberi su terreni pubblici. Tuttavia, se raccogli pinon per uso personale, puoi raccogliere una quantità ragionevole, solitamente considerata non superiore a 25 libbre (11,3 kg). Tuttavia, è una buona idea verificare con l'ufficio locale del BLM (Bureau of Land Management) prima di raccogliere.

Indossa guanti robusti per proteggere le tue mani e indossa un cappello per evitare che il campo appiccicoso ti entri nei capelli. Se ti viene la pece sulle mani, rimuovila con olio da cucina.

Puoi raccogliere le pigne con una scala o puoi stendere un telo sul terreno sotto l'albero, quindi scuotere delicatamente i rami per allentare i coni in modo da poterli raccogliere. Lavora con attenzione e non spezzare mai i rami, poiché danneggiare l'albero non è necessario e diminuisce le capacità di produzione future dell'albero.

Questo articolo è stato aggiornato l'ultima volta il


Pinoli

pinoli, chiamato anche piñón (Spagnolo: [piˈɲon]), pinoli (Italiano: [piˈnɔːli]), o pignoli, sono i semi commestibili dei pini (famiglia Pinaceae, genere Pinus). Circa 20 specie di pino producono semi abbastanza grandi da valere la pena di essere raccolti in altri pini, i semi sono anche commestibili, ma sono troppo piccoli per essere di notevole valore come alimento umano. [1] [2] [3]

I pinoli sono consumati in diverse cucine in tutto il mondo.


Caratteristiche più importanti di Piñon Pine

Forma e dimensioni complessive: I pini sono sempreverdi e variano da cespugli tondeggianti a torreggianti alberi di Natale piramidali. I piñons vanno da 10 a 35 piedi di altezza. Il piñon è resistente alla siccità, richiedendo solo 10-18 pollici di pioggia all'anno.

Tronco: Piñon è un albero basso dal tronco corto, con un diametro del tronco di circa due piedi.

Le foglie: I piñons, come tutti i pini, hanno foglie aghiformi quando sono completamente maturi. Gli aghi di tutti i pini, nati singolarmente o in gruppo, hanno un fascicolo (o guaina) simile alla carta alla base. Gli aghi di Piñon si presentano singolarmente o in coppia e misurano fino a due pollici di lunghezza.

Fiori: Non sono presenti fiori nel gruppo di piante del gimnosperma, a cui appartengono i pini. Piuttosto che fiori, ci sono coni legnosi. I coni del piñon sono quasi a forma di globo con squame spesse. Ogni scala è innalzata in una piramide a base ampia con una sommità leggermente appiattita, recante un minuto formicolio deciduo.

Semi: I semi (chiamati anche pinoli o noci indiane) sono disponibili da fine agosto a ottobre. I semi grandi e senza ali sono oblunghi, con guscio sottile e lunghi da ¾ pollici a 1 ½ pollici. Il guscio da rosso-marrone a nero non è difficile da rompere tra i denti. La carne di noci è saporita e facilmente digeribile. Le noci Piñon sono abbondanti in cicli, di solito ogni 4-7 anni.


A proposito di Pinon Nuts

Il nome pinon deriva dal termine spagnolo per pinolo. I pinon vengono prodotti dalle principali specie di pino negli Stati Uniti. Pinon alberi di noce (Pinus edulis) crescono spontaneamente negli Stati Uniti sudoccidentali e sono molto più rari dei pinoli dell'Europa o dell'Asia. Un buon raccolto di pinon viene prodotto solo una volta ogni 3-7 anni, quindi sono molto meno abbondanti rispetto ad altre varietà di pinoli. I pinon tendono ad essere più grandi dei pinoli normali e hanno un caratteristico sapore burroso morbido e dolce. I pinon vengono a volte indicati come pinyon nut o pignone.


È la stagione per andare a puttane

L'esperienza ci ha insegnato che è una buona idea uscire e guardare i nostri boschetti preferiti di alberi di piñon entro l'inizio di agosto. . . solo per tenere d'occhio come stanno andando i coni. All'inizio, ovviamente, sono ancora piccoli globi di nulla ermeticamente sigillati. Ma, mentre le settimane passano all'inverno, i coni maturano, si aprono lentamente e - alla fine - distribuiscono il loro mucchio di noci sul terreno (con grande gioia di uccelli, topi di campagna, cervi, scoiattoli e persino altri umani). Se vuoi la tua giusta quota, dovresti provare a raccogliere le noci a metà circa tra il momento in cui sono ben serrate e completamente aperte. . . diciamo fine agosto o qualche volta in settembre.


Contenuti

Le origini evolutive dei piñons sembrano coincidere con la Laramide Orogeny [4]

La differenziazione genetica nel pino pinyon è stata osservata associata a insetto erbivoro e stress ambientale. [5] [6] Esistono otto specie di true pinyon (Pinus sottosezione Cembroides): [7]

  • Pinus cembroides - Pinyon messicano
  • Pinus orizabensis - Orizaba pinyon
  • Pinus johannis - Pinyon di Johann (include P. scolorire - confine pinyon)
  • Pinus culminicola - Potosi pinyon
  • Pinus remota - Texas pinyon o paperhell pinyon
  • Pinus edulis - piñon a due aghi o Colorado pinyon
  • Pinus monophylla - pinyon a foglia singola
  • Pinus quadrifolia - Parry pinyon (include P. juarezensis).

Queste specie messicane aggiuntive sono anche correlate e per lo più chiamate pinyons:

  • Pinus rzedowskii - Il pino di Rzedowski
  • Pinus pinceana - Pinguino piangente
  • Pinus maximartinezii - pinyon a cono grande
  • Pinus nelsonii - Pinyon di Nelson

Le tre specie di pini bristlecone delle alte montagne degli Stati Uniti sudoccidentali e i pini lacebark dell'Asia sono strettamente imparentate con i pini pinyon. [ citazione necessaria ]

I semi del pino pinyon, conosciuti come "pinoli" o "piñón", sono un alimento importante per gli indiani d'America che vivono nelle montagne del sud-ovest nordamericano. Tutte le specie di pino producono semi commestibili, ma in Nord America solo il pinyon produce semi abbastanza grandi da essere una delle principali fonti di cibo. [8]

Il pinyon è stato probabilmente una fonte di cibo sin dall'arrivo di Homo sapiens nel Great Basin e nel sud-ovest americano (Oasisamerica). Nel Great Basin, le prove archeologiche indicano che la gamma del pino pinyon si espanse verso nord dopo l'era glaciale, raggiungendo il suo limite più settentrionale (e presente) nell'Idaho meridionale intorno al 4000 a.C. [9] I primi nativi americani raccoglievano indubbiamente i semi commestibili, ma, almeno in alcune aree, la prova di grandi quantità di raccolta di noci di pinyon non appare fino a circa 600 CE. L'aumento dell'uso di noci pinyon era probabilmente correlato a un aumento della popolazione umana e al calo del numero di selvaggina, costringendo così gli abitanti del Great Basin a cercare ulteriori fonti di cibo. [10]

L'idoneità dei semi di pinyon come alimento base è ridotta a causa dell'inaffidabilità del raccolto. Raccolti abbondanti di coni e semi si verificano solo ogni due-sette anni, con una media di un buon raccolto ogni quattro anni. Gli anni di elevata produzione di semi tendono ad essere gli stessi su vaste aree della gamma pinyon. [11]

Nel 1878, il naturalista John Muir descrisse il metodo indiano di raccolta dei semi di pinyon in Nevada. In settembre e ottobre, i mietitori hanno buttato via i coni dagli alberi di pino con dei pali, hanno impilato i coni in un mucchio, hanno messo sopra la sottobosco, l'hanno accesa e hanno bruciato leggermente i coni di pino con il fuoco. La bruciatura ha bruciato la resina appiccicosa che ricopriva i coni e ha sciolto i semi. I coni sono stati poi essiccati al sole fino a quando i semi potevano essere facilmente estratti. Muir ha detto che gli indiani osservavano da vicino gli alberi di pino tutto l'anno e potevano prevedere la scarsità o l'abbondanza del raccolto mesi prima del tempo del raccolto. [12] Nel 1891, B. H. Dutcher osservò la raccolta di semi di pinyon da parte degli indiani Panamint (popolo Timbisha) nella catena montuosa di Panamint che domina la Death Valley, in California. Il metodo di raccolta era simile al precedente, tranne per il fatto che i semi di pinyon venivano estratti immediatamente dopo che i coni erano stati bruciati nel fuoco della sterpaglia. [13]

Entrambi i racconti di cui sopra hanno descritto un metodo per estrarre i semi dai coni verdi. Un altro metodo è lasciare i coni sugli alberi finché non sono asciutti e marroni, quindi battere i coni con un bastoncino, staccando i coni o staccando i semi dai coni che poi cadono a terra dove possono essere raccolti. [14] Il popolo nomade di cacciatori-raccoglitori del Grande Bacino consumava solitamente i suoi semi di pinyon durante l'inverno successivo al raccolto, il popolo agricolo dei Pueblo della valle del Rio Grande del New Mexico poteva conservarli per due o tre anni nelle fosse. [15]

Ogni cono di pinyon produce da 10 a 30 semi e una piantagione produttiva di alberi di pinyon in un buon anno può produrre 250 libbre (110 kg) su 1 acro (0,40 ha) di terreno. Un lavoratore medio può raccogliere circa 22 libbre (10,0 kg) di semi di pinyon sgusciati in una giornata di lavoro. La produzione per lavoratore di 22 libbre di semi di pinyon sgusciati - più della metà di quella dei semi sgusciati - ammonta a quasi 30.000 calorie di nutrizione. Questo è un alto rendimento per lo sforzo speso dai cacciatori-raccoglitori. Inoltre, i semi di pinyon sono ricchi di grassi, spesso insufficienti per i cacciatori-raccoglitori. [16]

Il pinyon jay (Gymnorhinus cyanocephalus) prende il nome dall'albero e le noci pinyon costituiscono una parte importante della sua dieta. È molto importante per la rigenerazione dei boschi pinyon, poiché immagazzina un gran numero di semi nel terreno per un uso successivo, ei semi in eccesso non utilizzati sono in una posizione ideale per crescere in nuovi alberi. La ghiandaia messicana è importante anche per la dispersione di alcune specie di pinyon, come, meno spesso, è lo schiaccianoci di Clark. Molte altre specie di animali mangiano anche noci pinyon, senza disperderle.


Natura curiosa: è quasi ora di raccogliere i pinoli

Mentre c'è ancora tempo per godersi gli ultimi giorni dell'estate, presto i giorni diventeranno più brevi e una nuova stagione sarà alle porte. Le temperature più fresche dell'autunno sono il momento perfetto per esplorare gli alti deserti del Colorado occidentale. I pinoli del pino piñon sono un delizioso cibo selvatico che presto sarà pronto per la raccolta in tutte le foreste di ginepro e piñon.

I pinoli erano un alimento base per le popolazioni indigene del Colorado molto prima che gli europei colonizzassero l'Occidente e venivano tradizionalmente usati per cibo e medicine. Dobbiamo gratitudine a Utes, Pueblo, Navajo, Shoshone, Cahuilla e Paiute per la conoscenza di come raccogliere i pinoli, ed è importante riconoscere gli abitanti storici di queste terre raccogliendo i pinoli in modo rispettoso e sostenibile.

Da agosto fino all'inizio di ottobre, le pigne possono essere trovate sui rami dei pini piñon. I pini Piñon possono essere identificati dalla distinta curvatura dei loro tronchi e dagli aghi giallo-verdi lunghi da 1 a 2 pollici che crescono in pacchetti di due. Non tutti gli alberi produrranno pigne ogni anno.

Le noci Piñon possono essere raccolte su terreni pubblici gestiti dal Bureau of Land Management o dal servizio forestale degli Stati Uniti senza un permesso, a condizione che l'importo raccolto non superi le 25 libbre. Gli importi che superano le 25 libbre sono considerati commerciali e d'uso ed è richiesta un'autorizzazione.

Molti fattori ambientali influenzano il momento in cui gli alberi porteranno coni, ma una volta trovato un albero adornato con coni, assicurati di indossare un paio di guanti prima di raccogliere, altrimenti le tue mani saranno coperte di linfa di piñon! Le pigne saranno di colore dal verde chiaro al marrone scuro, a seconda dello stadio del cono, ma è meglio raccogliere le pigne mentre sono ancora verdi, poiché ciò ti permetterà di arrivare alle noci prima degli uccelli e dei piccoli mammiferi. Raccogli i coni verdi da portare a casa con te. Adagia i coni freschi su un vassoio in un luogo asciutto e attendi circa tre settimane o finché i coni non iniziano a diventare marroni e si aprono, dopodiché potrai raccogliere i dadi.

Per distinguere tra i pinoli che sono buoni da mangiare e quelli che non lo sono, versa tutte le noci in un contenitore d'acqua. Probabilmente non vale la pena mangiare le noci che galleggiano verso l'alto o in realtà non hanno noci all'interno, ma le noci che affondano sul fondo servono per conservarle. Inoltre, le noci più scure sono in genere più gustose e più ricche di nutrienti rispetto a quelle di colore più chiaro.

Quando hai trovato le noci che vale la pena conservare, devono essere sgusciate prima di mangiarle. Sebbene sia un processo noioso, la ricompensa ne vale la pena. Alcune persone consigliano di utilizzare un mattarello per aprire i gusci senza rompere il pinolo all'interno. Non così resistenti come sembrano, i pinoli dovranno essere conservati in frigorifero o nel congelatore dopo essere stati sgusciati se non verranno mangiati entro pochi giorni, poiché in realtà sono piuttosto deperibili.

I pinoli sono ricchi di grassi e proteine ​​e possono essere gustati in molti modi. Prova i pinoli crudi o arrostiti, aggiungili a insalate e piatti di carne o semplicemente gustali come spuntino nutriente. Molte ricette creative si possono trovare online e alcuni piatti includono il pesto fatto in casa e il gelato ai pinoli. La raccolta dei pinoli può anche risparmiare molto rispetto all'acquisto di pinoli da un negozio, che di solito vengono importati dall'altra parte dei mari e contrassegnati a un prezzo elevato. Ricorda di foraggiare sempre in modo sostenibile, di viaggiare con leggerezza e di prenderne solo quanto ti serve. Buona raccolta!

Cassy Brown è la coordinatrice dei programmi per i giovani e dei campi estivi di scienze presso il Walking Mountains Science Center.


Guarda il video: La tradizionale raccolta dei pinoli di Pinyon dei Navajo