Pachypodium brevicaule

Pachypodium brevicaule

Nome scientifico

Pachypodium brevicaule Panettiere

Sinonimi

Pachypodium brevicaule subsp. brevicaule

Classificazione scientifica

Famiglia: Apocynaceae
Sottofamiglia: Apocynoideae
Tribù: Malouetieae
Genere: Pachypodium

Descrizione

Pachypodium brevicaule è la specie più piccola e probabilmente la più strana del genere. L'epiteto specifico "brevicaule" deriva dal latino "brevi", che significa "corto" e "caulis", che significa "radice", che significa "radice corta", ed è! Il fusto è grigio, multi-ramificato, con spine corte, fino a 12 pollici (30 cm) di diametro e fino a 4 pollici (10 cm) di altezza. I rami di solito si evidenziano solo come lobi sulla forma complessiva del "blob". Le sue foglie, lunghe fino a 4 cm e larghe fino a 2 cm, formano rosette larghe e compatte. I fiori sono tubolari, di colore giallo brillante, fino a 3 cm di diametro e compaiono in estate.

Robustezza

Zone di rusticità USDA da 10a a 11b: da −1,1 ° C (30 ° F) a +10 ° C (50 ° F).

Come crescere e prendersi cura

Gli attraenti fiori di Pachypodiumse le forme intriganti dei loro steli gonfi li rendono desiderabili per qualsiasi giardino. Non sono decisamente adatte a giardini freddi o umidi e sono molto sensibili al gelo. Se piantati in un giardino caldo che subisce gelate occasionali, dovrebbero essere collocati in una posizione calda e riparata.

Fanno buone piante d'accento in un giardino roccioso, specialmente se raggruppate insieme ad altre piante succulente caudiciformi. Tutti hanno bisogno di pieno sole, molta acqua (tranne durante la fase di dormienza) e devono avere un buon drenaggio.

Quasi tutte le specie sono sorprendentemente adattabili alla coltivazione, cambiando la loro stagione di crescita quando vengono coltivate nell'emisfero settentrionale.

Queste piante amano molta luce e crescono meglio in pieno sole. L'ombra parziale è tollerata, ma può scoraggiare la fioritura. Se coltivato in una serra, la ventilazione è importante. È necessaria molta acqua durante la stagione di crescita, a seconda della specie e delle dimensioni dell'esemplare. Lascia asciugare il terreno prima di aggiungere altra acqua.

Scopri di più su Come coltivare e prendersi cura del Pachypodium.

Origine

Pachypodium brevicaule è originario delle regioni centro-meridionali del Madagascar.

Collegamenti

  • Torna al genere Pachypodium
  • Succulentopedia: sfoglia le piante grasse per nome scientifico, nome comune, genere, famiglia, zona di rusticità USDA, origine o cactus per genere

Galleria fotografica


Iscriviti ora e tieniti aggiornato con le nostre ultime notizie e aggiornamenti.





Pachypodium brevicaule - giardino

Origine e habitat: Madagascar centro-meridionale (a sud di Antananarivo fino ai monti Itremo)
Altitudine: 1250–2000 m.
Habitat: Pachypodium brevicaule cresce tipicamente su facciate di arenaria esposte o raramente su granito, in anfratti tra affioramenti di quarzite. Con un pH. Di livello variabile da 3,5 a 4,5, è strettamente adatto alla crescita in substrati acidi.

Nome accettato nel database llifle:
Pachypodium brevicaule Baker
J. Linn. Soc., Bot. 22: 503. 1887

Nome accettato nel database llifle:
Pachypodium brevicaule subs. leucoxanthum Lüthy
Cact. Succ. J. (Los Angeles) 80 (4): 190 (figg.). 2008 [10 giugno 2008]

Descrizione: Pachypodium brevicaule è la specie più piccola e strana del genere, con un notevole caudice rock-mimico che ricorda un sacco di patate con foglie radi. È davvero uno spettacolo bellissimo vedere un grande esemplare ricoperto da centinaia di fiori giallo brillante. Questo è quello ogni Pachypodium l'amante dovrebbe avere.
Stelo: All'inizio come un tubero di patata, alla fine bizzarramente compresso come un blob (a volte descritto come una torta di mucca) fino a 30 cm di diametro (ma alla fine fino a 1 m di diametro in natura) e raramente più di un decimetro di altezza, argento in colore, con brevi spine e rami molto ridotti distinguibili come lobi sulla forma complessiva 'blob' sottende rosette di foglie.
Le foglie: In rosette compatte sparse, ellittiche. 2-4 di lunghezza e 1-1,6 cm di larghezza, pubescente sul lato inferiore.
Infiorescenza: Piatti compatti con 2-6 fiori.
Fiori: Giallo acceso. 2-3 cm di diametro. Corolla-tubo stretto 1,7-2,5 cm di diametro.
Stagione di fioritura: Estate.

Sottospecie, varietà, forme e cultivar di piante appartenenti al gruppo Pachypodium brevicaule

  • Pachypodium brevicaule"href = '/ Encyclopedia / SUCCULENTS / Family / Apocynaceae / 11689 / Pachypodium_brevicaule'> Pachypodium brevicaule Baker: è la specie più piccola del genere, con caudex rock-mimico che ricorda un sacco di patate con foglie radi e ricoperto da centinaia di fiori giallo brillante. Distribuzione: a sud di Antananarivo fino ai monti Itremo
  • Pachypodium brevicaule CV. White "href = '/ Encyclopedia / SUCCULENTS / Family / Apocynaceae / 33452 / Pachypodium_brevicaule_cv._White'> Pachypodium brevicaule cv. bianca : forma fiorita bianca. Origine del giardino.


- Pachypodium brevicaule in Habitat. Foto di: © Plantemania
Pachypodium brevicaule Foto di: Andrea B.
Pachypodium brevicaule Foto di: Flavio Agrosi
Pachypodium brevicaule Foto di: © Plantemania

Pachypodiums - LA pianta dei collettori caudiciformi - Introduzione alla specie e suggerimenti colturali

Una delle piante caudiciformi premeire sia per la coltura in vaso che per il paesaggio sono i Pachypodium. Queste sono piante di pachycaul del Madagascar e dell'Africa meridionale. Quella che segue è una breve discussione del genere, inclusi alcuni suggerimenti sulla cura e la crescita, nonché un'introduzione a molte delle specie più comunemente riscontrate nella coltivazione.

(Nota del redattore: questo articolo è stato originariamente pubblicato il 25 marzo 2008. I tuoi commenti sono benvenuti, ma tieni presente che gli autori di articoli pubblicati in precedenza potrebbero non essere in grado di rispondere alle tue domande.)

I pachypodium sono membri della famiglia Apocynaceae che comprende anche Adenium, Oleandri, Plumeria e Pervinca. Pachypodium significa "piede spesso", in riferimento ai gambi caudiciformi grandi e gonfi che hanno tutti i membri di questo genere. Non solo hanno steli succulenti, ma la maggior parte è pesantemente armata di spine spesse e rigide sul caudice e sui rami. Sono anche protetti dalla loro linfa tossica (vero per tutte le Apocynaceaes, anche se i Pachypodium hanno una linfa chiara, non il lattice bianco visto correre dalle ferite di Plumeria). Le foglie sono presenti solo sulla sommità del caudice (come una palma o una felce) o su / vicino alle estremità di ogni ramo. L'aspetto simile a una palma di alcune specie è dove il nome Palma del Madagascar viene da. La gente del posto li chiama Half-mense, o Half Mens, un nome afrikaans che si riferisce al loro aspetto come uomini bassi (metà) da lontano. Tutti i Pachypodium hanno fiori in determinati periodi dell'anno. Questi fiori sono semplici, a forma di stella e in qualche modo simili ai fiori di Plumeria e alcuni altrettanto profumati.

Pachypodium lamereis con 'piedi grassi'

Questo Pachypodium namaquanum sembra un po 'una persona bassa, da cui il nome Half Mens (foto a destra di Hellobebe)

In generale i Pachypodium sono piante abbastanza facili da coltivare indoor, e ancora più facili outdoor nei climi giusti (caldo e secco). Alcuni Pachypodium si comportano bene anche in climi caldi e umidi come quelli che si trovano in Florida (Pachypodium lamerei e rutenbergianum sembrano tollerare bene quei climi umidi). Ce ne sono alcuni più complicati da mantenere in vita se uno è incurante con l'irrigazione e non sa cosa cercare.

Pachypodium lamerei felicemente in crescita in Florida (foto di Floridian)

Queste piante sono tutte coltivatori estivi e questo è normalmente il periodo dell'anno in cui sono completamente lasciati e crescono più vigorosamente. Alcuni Pachypodium namaquanums nell'emisfero settentrionale sembrano mantenere il loro ciclo vitale nell'emisfero australe e cercano di crescere in inverno (a volte predisponendosi a marcire) ma questa è l'unica grande eccezione a cui riesco a pensare. A seconda della specie, l'estate è il periodo dell'anno in cui annaffia abbondantemente. Le specie arboree più comuni sembrano le più assetate che bevono tutta l'acqua che può essere loro data, purché il suolo e le temperature siano corrette. La maggior parte delle specie sono decidue e perdono le foglie in inverno. Questa è un'indicazione per smettere di annaffiare tanto, se non del tutto. Le piante da esterno nella California meridionale purtroppo spesso vengono inondate da forti piogge in questo periodo dell'anno, ma sorprendentemente questo non è un problema comune. Sembra che l'acqua piovana non sia un problema per la maggior parte delle piante grasse dormienti invernali, anche se l'acqua del rubinetto è qualcosa che dovresti assolutamente evitare di usare in inverno. A seconda della posizione del giardino / vaso, alcuni individui non resteranno dormienti in inverno o perderanno le foglie. Perché questo è il caso non lo so, ma forse le piogge invernali hanno qualcosa a che fare con questo.

Pachypodium geayi grappolo in febbraio a sinistra e stessa pianta in novembre a destra

I terreni devono essere molto ben drenanti oppure queste piante marciranno se mantenute bagnate troppo a lungo in terreni scarsamente drenanti. Esistono dozzine di ottime scelte di terreno, tuttavia, e fintanto che contengono molti materiali porosi (pomice, perlite o scorie), sabbia e un po 'di terreno organico (terriccio, corteccia decomposta ecc.) I Pachypodium sembrano abbastanza contenuti.

Questo Pachypodium brevicaule è in pura pomice, ai fini della radicazione, e questo è un terreno troppo drenante alla lunga. ma la pomice è un'ottima base di ogni buon terreno drenante

Tutte queste piante lo sono esigente di alta luce situazioni e soffrire in luoghi bui e ombreggiati. La maggior parte sono piante in pieno sole allo stato selvatico. Se coltivate in casa, conservate idealmente in una finestra rivolta a sud-ovest (potrebbe essere necessario girare periodicamente queste piante per evitare che si inclinino verso la luce e crescano storte).

I pachypodium lo sono non molto tollerante al freddo impianti. Coltivarli all'aperto in climi marginali come quelli della California meridionale può essere una situazione rischiosa, anche se alcune specie hanno molte più probabilità di fare bene di altre. Pachypodium lamerei, geayi, lealii (compresi sandersii) e succulentum sono le specie più propense a crescere bene all'aperto, molte delle quali hanno successo anche con namaquanum, densiflora e rutenbergianum. La maggior parte delle altre specie vengono solitamente coltivate in vaso in quanto sono troppo costose o troppo permalose per essere piante da esterno affidabili in climi leggermente gelidi. Le gelate fino a 28F raramente sono un problema per la maggior parte di queste specie resistenti al freddo, ma temperature fino a 26F o inferiori di solito causano gravi danni al tronco / caudice. L'anno scorso tutta la maggior parte del mio Pachypodium all'aperto ha visto 25F-27F e ha subito danni significativi nella misura in cui nuovi centri di coltivazione hanno dovuto iniziare a formarsi al punto dell'infortunio. Alcuni hanno continuato a marcire da quel punto in poi. Se un Pachypodium subisce questo tipo di danno da gelo, si consiglia di rimuoverlo dalle situazioni climatiche offensive (cioè scavato e spostato all'interno, o spostare l'intero vaso all'interno se in un vaso), preferibilmente in una finestra calda esposta a sud per recupero. Applicare l'ormone radicante sulla zona lesa e non innaffiare la pianta per lungo tempo. La maggior parte si riprenderà e almeno uno (di solito diversi) nuovi steli crescerà dal sito ferito. A volte questa è una buona cosa per rendere la pianta più interessante. Tuttavia, possono volerci anni, se non sempre, prima che l'antiestetica macchia della cicatrice del gelo abbia un aspetto migliore.

Pachypodiums esposti al freddo: a sinistra è il prima e il dopo di a Pachypodium lamerei congelato fino al punto di marcire (la parte superiore doveva essere tagliata), ma poi due nuove teste ricrescevano Pachypodium geayi con un congelamento improvviso che danneggia tutte le foglie, e poi il dopo colpo delle foglie è caduto (sono ricresciute tutte)

Fertilizzante di solito non è necessario se si rinvasano le piante ogni 2-3 anni. Ma per il resto una concimazione liquida delicata in estate probabilmente non è una cattiva idea e può favorire la fioritura. Si consiglia di utilizzare un fertilizzante standard che abbia anche quantità di tutti e tre i principali nutrienti, o forse un po 'pesante sul fosforo in estate. Alcuni forniscono potassio o potassio extra in estate e in autunno per aiutare a migliorare la resistenza invernale (una pratica comune con i coltivatori di Plumeria) se li coltivi all'aperto in climi marginali.

C'è poco di unico per mantenendo queste specie in vaso che differiscono in qualche modo dal tenere altre piante grasse in vaso, tranne ricordare che queste diventano alte e i tronchi sono pieni d'acqua, il che può renderle molto pesanti, il che, se non tenute in una pentola abbastanza pesante, le renderà facili da ribaltare . Questo è ancora più importante se si coltiva una grande pianta crestata poiché queste diventano molto pesanti.

A volte tenere una pianta in vaso è la cosa migliore, come in questo Pachypodium lamerei cresta. nel terreno i bordi di questa cresta sarebbero sottoterra

Le specie:

Pachypodium lamerei- questo è di gran lunga il Pachypodium più comunemente coltivato in coltivazione e quello a cui si fa più riferimento come Palma del Madagascar (anche se molti sono chiamati così). È una delle specie a crescita più rapida, raggiungendo altezze intorno ai 20 piedi nelle sue terre d'origine (Madagascar meridionale) ed è un arbusto / albero dal fusto spesso, intensamente spinoso con 0 a diversi rami. Le spine sono in gruppi di tre con due lunghe una accanto all'altra e una più corta proprio sopra di loro. Di solito sono lunghi circa 1 ", robusti e abbastanza affilati. In questa specie le spine tendono a sporgere quasi parallele dal tronco e non agli angoli acuti delle spine di Pachypodium geayi fare. Le foglie sono lancelote e verde brillante con una nervatura centrale giallo pallido. La ramificazione di solito si verifica a seguito di lesioni (traumi, danni da gelo, danni da insetti ecc.) Quindi supponevo che se una pianta conduce una vita particolarmente incantata e protetta, potrebbe rimanere un fusto solitario, sormontato da una corona di foglie. E in effetti, questo è spesso il modo in cui crescono le piante da interno poiché sembrano essere ferite meno spesso di quelle coltivate all'aperto. Le forme crestate sono abbastanza comuni ma ancora ricercate. Tuttavia, presumibilmente la maggior parte delle forme crestate ha una durata di vita molto limitata (almeno la parte crestata dovrebbe farlo) anche se la mia va bene dopo 3 anni e non mostra segni di invecchiamento, a parte il grave danno da congelamento che ha avuto l'anno scorso. I fiori si verificano di solito all'inizio dell'estate e sono bianchi con centri gialli e hanno un ottimo odore. Questa specie sembra apprezzare molta acqua in estate e devo ancora scoprire i suoi limiti nel tollerare molta acqua. È una delle piante grasse più facili da coltivare, sia nel terreno che in vaso. Piantala e basta. Pachypodium lamereis fare bene in climi umidi come quelli della Florida, e può anche preferire tali climi (le palme coltivate in Florida hanno sempre un bell'aspetto e sembrano crescere molto più velocemente di quelle nei climi aridi).

Fioritura di piante coltivate all'aperto in estate, nel sud della California close up di foglie mature e di nuova crescita stelo dettaglio che mostra la disposizione della colonna vertebrale

Pianta crestata all'aperto all'inizio dell'inverno. Creste di comune in questa specie

Pachypodium geayi- questa è anche chiamata palma del Madagascar, ed è anche del Madagascar meridionale, anche se da una zona climatica più arida. Nell'aspetto generale è in qualche modo simile al Pachypodium lamerei, ma tende ad essere ancora più robusto e alto (almeno qui in California). La differenza principale tra i due è che questa specie ha foglie più sottili, grigio-verdi che sono meno lucide e hanno una nervatura centrale rossastra. Anche le spine su questa, anche a gruppi di tre, sono più uguali in lunghezza e puntano tutte in direzione opposta al tronco ad angoli acuti. Questa pianta sembra più felice in un clima più secco rispetto a quelli umidi Pachypodium lamerei sembra preferire (sebbene entrambi crescano piuttosto bene in entrambi i climi). I fiori sono abbastanza simili sia nell'aspetto che nell'odore. Trovo che questa pianta sia esattamente resistente e in rapida crescita come Pachypodium lamerei, ma impiega più tempo a fiorire.

Colonia di piante antiche al vivaio nel sud della California ripresa di piante fiorite (foto di MichaelCharters) coppia di piante in giardino privato

due colpi di foglie di questa specie (Pachypodium geayi)

Pachypodium rutenbergianum- questa è la terza e ultima delle specie giganti di Pachypodium ed è la più grande e la più rapida crescita di tutte (fino a 30 'nelle zone selvagge del Madagascar). Tuttavia è anche un po 'meno resistente e più touchier, quindi nei climi marginali potrebbe non raggiungere mai il suo vero potenziale. Gli unici veramente grandi che ho visto sono stati a Miami, dove non si congela mai davvero. La mia pianta sta andando abbastanza bene contro un muro esposto a ovest, anche se l'ultima gelata ha ucciso i primi 3-4 "di ogni ramo (facendolo ramificare molte più volte). Pachypodium rutenbergianum è una pianta dall'aspetto leggermente meno caudiciforme che mantiene una figura più snella. Ha anche foglie più strette e anche meno spesse. Le foglie sono di un verde scuro piuttosto lucido con una nervatura centrale pallida, quasi bianca, e ricurvano un po '. Questa specie è affidabile decidua a differenza delle due precedenti che a volte sopravvivono durante un inverno con alcune foglie lasciate. Anche in un clima tropicale caldo come Miami questa è una pianta regolarmente decidua. Le spine sono accoppiate, corte, robuste e assomigliano un po 'alle spine di rosa. La loro disposizione lungo il tronco e i rami sembra alquanto casuale ma, come tutti gli altri Pachypodium, si trovano su entrambi i lati delle foglie (o sulle cicatrici delle foglie una volta che cadono). I fiori sono bianchi con centri giallo pallido, ma sembrano formarsi senza foglie in inverno, invece che in estate come i due precedenti.

Pianta matura a Miami in estate, e poi, fiorente, in inverno giovane pianta nel giardino della California meridionale contro un muro esposto a ovest

primo piano di spine sulla pianta giovane la mia pianta da giardino dopo il congelamento l'anno scorso, e poi quest'estate (recuperata)

Pachypodium namaquanum- Questa è probabilmente la più grande delle specie dell'Africa meridionale e quella originariamente denominata Halfmens. In Africa queste piante possono crescere fino a 8'-12 'ma crescono piuttosto lentamente anche lì. Nella coltivazione raramente diventano più alti di 3'-4 'piedi. La ramificazione si verifica ma è rara e poche piante hanno più di 2-4 rami. La maggior parte delle piante assomiglia a pilastri fortemente spinosi, spesso dello stesso diametro o leggermente più sottili in alto come in basso. Le piante vecchie sviluppano una circonferenza enorme e si può capire perché venivano chiamate metà uomini e metà piante. Le foglie di questa pianta sono di colore verde chiaro e caratteristicamente sfocate con curiosi margini ondulati. Sarebbe difficile confondere questa specie con un'altra. I fiori sono di un rosso intenso e si formano nella parte superiore, al centro di ogni stelo, in mazzi stretti. Le spine generalmente sono raggruppate in tre, ma sono sottili, lunghe e tendono ad allargarsi leggermente verso l'esterno. La terza colonna vertebrale è al di sotto delle due coppie di questa specie (opposta a Pachypodium lamerei). La robustezza di questa specie sembra essere circa a metà strada tra le due specie di grandi dimensioni comuni e il Pachypodium rutenbergianum. Ma è molto incline a marcire se annaffiato pesantemente negli inverni, e anche l'acqua piovana può far marcire questo se non viene tenuto in terreni molto ben drenanti e tenuto in pieno sole. Sebbene le grandi e vecchie piante siano esemplari paesaggistici meravigliosamente impressionanti, la maggior parte coltiva questa specie in vaso.

Eccellente colonia di piante nel vivaio della California meridionale vista dall'alto della pianta in giardino fioritura mostra pianta, mostrando le foglie sfocate

Pachypodium saundersii (aka lealii var. saundersii) - Il nome comune di questa specie è Star of Lundi anche se non saprei dire perché. È una specie a crescita moderatamente rapida proveniente dall'Africa meridionale (Zimbabwe e Namibia) fino a 4 piedi di altezza. È una pianta altamente ramificata che alla fine forma un arbusto irregolare e dall'aspetto un po 'goffo. Le foglie sono lisce, luminose, verde chiaro e lucide con una sottile nervatura bianca. Le foglie esistono lungo i rami di questa specie, non solo vicino ai meristemi in crescita. Questa specie ha spine accoppiate un po 'irregolarmente distanziate lungo gli steli e i rami, con la dimensione della spina più piccola sui rami più piccoli. I fiori sono bianchi a fine estate per cadere e le piante di appena 4 anni possono fiorire. Questa è una specie popolare perché è così facile da coltivare, ma è probabilmente una delle meno ornamentali del genere, avendo spesso un caudice meno che impressionante e crescendo in modo un po 'sciatto. Tuttavia, se abilmente potata e con pazienza, può essere coltivata in una pianta attraente. La resistenza al freddo è mite con danni che si verificano solo 2-3 gradi sotto lo zero.

Progredisci con la mia pianta da giardino, prima in un vaso, poi nella fioriera, e poi crescendo dappertutto (coltivatore veloce!)

mostra la pianta a sinistra con un bel fiore caudex particolare (foto di IslalndJim)

Pachypodium lealii (aka lealii var. lealii) - questa pianta strettamente imparentata è leggermente simile per forma e spina, ma le foglie sono meno lucide, quasi sfocate. Questa specie è un po 'meno ramificata, ma simile nella forma generale a Pachypodium saundersii. Le spine sporgono vicine l'una all'altra in gruppi di tre perpendicolarmente dal gambo, con due lunghe sotto e una molto più corta sopra. I fiori hanno gole rosa distinte e sono complessivamente più piccoli e di forma più tubolare rispetto a quelli di Pachypoidum saundersii. La fioritura avviene generalmente tra l'inizio e la metà dell'estate. La resistenza al freddo è abbastanza buona fino a circa 26 ° F, a quel punto la nuova crescita tenera viene danneggiata.

la mia pianta in vaso primo piano delle foglie, spine e nuova crescita nei fiori primaverili estivi

Pachypodium succulentum- questo è probabilmente l'ultimo dei Pachypodium "resistenti", che almeno può essere coltivato in modo affidabile nel terreno nel sud della California. È quasi una geofita con le sue enormi radici caudiciformi bulbose che sono tutte sotterranee in natura (Africa meridionale). Tuttavia, nella coltivazione la maggior parte lo coltiva con la maggior parte delle radici fuori terra per effetto. I rami sono alquanto morbidi, contorti e irregolarmente spinosi (spine sottili accoppiate da ½ "). Le foglie tendono a formarsi solo vicino alle estremità di ciascun ramo (nelle regioni di nuova crescita) e sono sottili, corte (1" -2 "di lunghezza) da verde pallido a verde medio, leggermente lucido con una nervatura centrale chiara e spesso un po 'arricciata I fiori sono dalla tarda primavera all'inizio dell'estate e sono piccoli, bianchi con nervature centrali rosa.

la mia pianta da esterno diversi anni fa in estate, e recentemente in inverno Esemplare bello e felice nel giardino botanico in inverno nel sud della California a destra

mostra le piante sulle foto a destra e sinistra e un fiore della mia pianta da esterno nella foto centrale

Pachypodium bispinosum è un'altra specie geofitica dell'Africa meridionale con forma simile in termini di rami, spine e forma delle foglie. Tuttavia questa specie ha un massiccio tronco caudiciforme, meno contorto e ondulato Pachypoidum succulentum. Le foglie sono un po 'più larghe e più lunghe ei fiori sono più grandi, a forma di imbuto con gole rosa. La resistenza al freddo in questa specie è meno chiara, ma non mi sorprenderebbe trovarla simile a quella della succulentum.

due piante da esposizione, entrambe in fiore, e poi alcune piante in vendita in un vivaio della California meridionale (Pachypodium bispinosum)

Pachypodium densiflorum- questa è probabilmente l'ultima specie di cui discutere che ha la possibilità di essere coltivata come pianta da esterno nel sud della California. Il mio è stato in giardino per oltre 3 anni e sebbene sia stato gravemente danneggiato l'anno scorso durante il gelo, tutti i Pachypodium sono stati fritti allo stesso modo lo scorso inverno. Si è ripreso rapidamente (meglio di Pachypodium rutenbergianum fatto) e si sta ramificando molto ora (in risposta al danno da congelamento). Questa specie è malgascia, come tutte le specie sottostanti, e non è così facile da distinguere Pachypodium rosulatum. Ha foglie verde pallido morbide, leggermente sfocate, ovoidali a forma di paletta con nervature centrali bianche. Le spine sono accoppiate, corte, robuste e tendono a cadere sugli steli più vecchi. Questa è una delle piante ornamentali più attraenti con un tronco caudiciforme molto grande, liscio e lucido che tende ad assottigliarsi dolcemente ma rapidamente in diversi rami corti, più sottili ma ancora robusti, tutti in posizione verticale. I fiori sono in tarda estate per cadere su lunghi steli molto al di sopra della pianta. Sono relativamente grandi, dal giallo intenso all'oro con una caratteristica forma conica bianca al centro di ogni fiore.

Pachypodium densiflorum in collezione, e in una mostra di piante (senza foglie) Fiori (foto RUK)

la mia pianta da esterno in estate un anno, l'inverno l'anno scorso (solita gelata) e si è ripresa di nuovo quest'estate

Pachypodium rosulatum- questa pianta è simile nella forma generale a Pachypodium densiflorum con il caudice largo e liscio e la lenta rastremazione a rami più piccoli. Tuttavia le foglie sono lucide e di un verde più scuro e leggermente più strette. Anche i fiori sono su steli più corti e di un giallo leggermente più luminoso senza i coni centrali. La fioritura è a metà estate. Questa pianta cresce forse fino a 2 'di altezza. Esistono diverse varietà di questa pianta e Cactus Pachypodium è pensato anche per essere un sinonimo.

Pachypodium rosulatum in collezione privata (foto di RWhiz) e in vendita all'evento CSSC, e infine il fiore (foto di KaraAnn)

Pachypodium horombense è un'altra specie a crescita bassa meravigliosamente caudiciforme con un tronco grasso che si assottiglia elegantemente ai rami. Questa specie ha spine un po 'più robuste, ma nel complesso è abbastanza simile. Le foglie sono a forma di goccia, sottili e leggermente ondulate fino a piatte con una nervatura centrale bianca prominente. I fiori sono abbastanza grandi (fino a 2 pollici di diametro) e di un giallo brillante.

Pachypodium horombense nell'Huntington come pianta molto vecchia pianta più giovane (foto di RWhis) Fiore (foto di RUK)

Pachypodium brevicauleè una pianta molto insolita, che raramente cresce più di 2 "di altezza e assomiglia un po 'a un goccio di lava d'argento fusa. Le foglie sono corte ea forma di lacrima, verde chiaro con una leggera nervatura centrale. Le spine sono variabili con alcune piante che non ne hanno quasi nessuna I fiori sono di un giallo brillante e su peduncoli corti da 3 "-5" tenuti molto al di sopra del resto della pianta. Questa specie è diventata sempre più popolare di recente e se ne possono trovare sempre di più in vendita in mostre di piante e vivai. Un tempo era piuttosto raro. È una delle specie più permalose che preferisce davvero le temperature tutto l'anno più o meno le stesse, e lo stesso vale per l'irrigazione. Non è una delle specie più permalose o sott'acqua (non lasciarla asciugare completamente). Non resistente al freddo per niente .

Pachypodium brevicaule giovane pianta Fioritura pianta più vecchia pianta da esposizione molto vecchia

papàchypodium baronii è una specie quasi priva di spine (le spine sono accoppiate ma molto piccole e alla fine tendono a levigarsi). Non ho avuto fortuna nel cercare di coltivare questa specie all'aperto poiché è molto tenera al gelo. Ma se uno ha una serra o un luogo caldo per questa pianta, può crescere fino a diventare una pianta alta 3 'con un tronco a forma di bottiglia e fiori rosso brillante in primavera.

Pachypodiym decaryi e fiore (foto RUK)

Ci sono circa 10-15 altre specie di Pachypodium, tutte degne di cultura in vaso poiché la maggior parte sono piante caudiciformi meravigliosamente ornamentali. Queste specie rimanenti sono ancora piuttosto rare nella coltivazione, sebbene si presentino in spettacoli di cactus e succulente con crescente regolarità. Un giorno si potrebbe facilmente essere in grado di ottenere tutte le 23 specie e avere la collezione "completa" di questi meravigliosi caudiciformi.

Pachypodium eburnum Pachypodium makayense Pachypodium mikea


Quando si tratta di Pachypodiums Brevicaule, dovrai piantarlo in un terreno molto ben drenante. Altrimenti, marcirà se lo tieni in un terreno scarsamente drenante. In tal caso, la scoria, la pomice o la perlite mescolate alla sabbia e al terriccio saranno ideali per Pachypodiums Brevicaule. Nota che la pomice è la base migliore per un buon drenaggio del terreno. In sostanza, dovrai mantenere la pianta in un terriccio poroso e ben drenato.

A loro piace un pH compreso tra 3,5 e 4,5, che è acido. Se le foglie delle tue piante grasse iniziano a diventare gialle, abbassa il livello di pH. Se le prendi a radice nuda, dai a queste piante grasse abbastanza calore fino a quando non diventano forti. Se hai bisogno di creare un pH acido favorevole, aggiungi qualche goccia di aceto in un litro d'acqua. Nota che, mantenere il livello di pH può essere piuttosto complesso, specialmente quando la tua succulenta si trova in una piccola pentola con un volume minimo di terreno.


La linea di fondo

Fonte: Instagam @graboratory

Pachypodiums Brevicaule è incline a marcire se non gli vengono fornite le cure adeguate e le condizioni ideali. Per non parlare del fatto che dare un terreno ben drenato e irrigare con parsimonia eviterà condizioni di ristagno d'acqua. Inoltre, tieni presente che la quantità di irrigazione dipenderà dalla sua fase di crescita e dalle temperature. Tuttavia, i piantatori ei giardinieri più esperti suggeriscono di non lasciare che questa pianta bella e delicata si asciughi completamente più a lungo.

Pachypodiums Brevicaule è sensibile al freddo quindi, dovrai sempre tenerlo al caldo. Negli inverni, è probabile che la pianta perda le foglie e sia dormiente. In questa fase, sarà necessario ridurre l'irrigazione alla quantità minima. Questa succulenta ama crescere in pieno sole. Quindi, questo è tutto un breve riepilogo di come prendersi cura di Pachypodiums Brevicaule. Ora che conosci tutti i consigli essenziali per la cura di questa bellissima pianta, assicurati di fornirle condizioni di crescita ideali. Buon giardinaggio!

Vedi di più su Come prendersi cura di Crassula Baby Necklace

Se hai trovato questo articolo interessante, condividilo con i tuoi succulenti amici amorevoli!
E ricevi una pianta gratis quando i tuoi amici fanno un ordine. Registrati qui!

Scopri di più su come coltivare e goderti molte splendide piante grasse e suggerimenti di decorazione intelligenti con la nostra newsletter. Registrati!


Guarda il video: 10 Most Rare Cactus