Come organizzare il tuo asilo nido

Come organizzare il tuo asilo nido

Potete scoprirlo leggendo il libro di Elena Marasanova (Kuzmina), autrice permanente della nostra rivista "Flora Price". Questo libro si chiama "Organizziamo il nostro asilo nido con Elena Marasanova".

Vuoi ottenere una dozzina di nuove piante da un cespuglio o coltivare robuste piantine di fiori? L'autore del libro è uno scienziato agronomo con più di 30 anni di esperienza nei vivai del Nord-Ovest, descrive le sottigliezze di tutti i metodi di riproduzione adottati nel giardinaggio ornamentale. Vengono prese in considerazione le possibilità dei giardinieri dilettanti, vengono presentate le moderne tecnologie di selezione delle piante per i giardinieri più esperti.

I titoli dei capitoli - "Propagazione per seme", "Divisione è facile", "Giardini da talee", "Strati e prole", "La magia dell'innesto", "Tuberi e bulbi" - rendono facile trovare l'argomento giusto e vedere nelle fotografie come deve essere fatto esattamente il lavoro.

Molti giardinieri hanno incontrato difficoltà nella germinazione dei semi di fiori e arbusti. Il fatto è che ci sono caratteristiche oggettive della germinazione dei semi di diverse specie vegetali.

“Se i semi sono maturi ma non secchi sulla pianta madre, possono germogliare rapidamente. Questa proprietà viene utilizzata per ottenere piantine di primula, trollius (costume da bagno), kandyk e alcune altre specie nella stessa estate, i cui semi maturano all'inizio dell'estate (semina immediata di semi freschi). Se i semi vengono lasciati asciugare sulla pianta, passeranno in uno stato protettivo di dormienza, da cui è molto più difficile rimuoverli ... Stratificazione - esposizione dei semi al freddo a una temperatura di + 1 ... + 2 ° C per vari periodi, mentre i semi vengono conservati in segatura umida, torba, perlite, sabbia in rapporto 1: 3. … La stratificazione è un processo piuttosto fastidioso e dispendioso in termini di tempo in ambienti con temperatura e umidità controllate. Nella pratica di un orto privato è meglio sfruttare la possibilità biologica che i semi non essiccati germogliano in primavera con semina autunnale senza alcun trattamento aggiuntivo ".

Il libro è stato pubblicato a San Pietroburgo nella collana "Giardini del Nord-Ovest" su carta patinata, ben illustrato, 128 pagine.

Il libro può essere acquistato dall'autore tramite affrancatura in contrassegno, il costo del libro è di 300 rubli. più spese di spedizione. Puoi contattare Elena Marasanova tramite e-mail: [email protected]


Come organizzare l'irrigazione del giardino in campagna

Il compito più difficile per i residenti estivi è annaffiare il giardino. Il problema principale è la fonte dell'acqua. È molto buono se hai il tuo pozzo nella tua casa di campagna e puoi annaffiare il tuo giardino quando è conveniente per te o quando è necessario farlo. Lo stesso vale per l'approvvigionamento idrico costante centralizzato. La questione è molto più complicata con i tempi di approvvigionamento idrico.

Il secondo problema è l'irrigazione del giardino stesso, che causa difficoltà ai giardinieri. È su questo argomento che vorremmo parlare oggi.

Come organizzare l'approvvigionamento idrico per l'irrigazione del giardino

Sopra, abbiamo già nominato 2 modi per fornire acqua al giardino: il nostro pozzo e l'approvvigionamento idrico centralizzato. Se sul tuo sito hai una fornitura d'acqua costante e ad alta pressione, puoi procedere immediatamente al blocco successivo di questo articolo. Se l'approvvigionamento idrico per annaffiare il tuo giardino non è costante, ti diremo come risolvere questo problema.

Quindi, se la tua fornitura d'acqua è puntuale o ci sono problemi con il pozzo, ti consigliamo di costruire un sistema di stoccaggio dell'acqua autonomo. Per fare questo, hai bisogno di grandi serbatoi, il cui volume è sufficiente per annaffiare il giardino. È meglio scegliere un serbatoio per annaffiare un giardino dalla plastica, poiché questo è il materiale più pratico ed economico. Sarai in grado di raccogliere le scorte d'acqua nella vasca, in modo che durante l'assenza della sua fornitura, puoi innaffiare il giardino. Si consiglia di posizionare questi serbatoi sopra il livello del giardino in modo che l'acqua possa scorrere semplicemente attraverso il tubo. Questo è il primo modo economico per innaffiare il tuo giardino, ma non molto pratico.

Per annaffiare il tuo giardino, ti consigliamo di acquistare una pompa. Una pompa è necessaria per annaffiare il giardino da una botte in modo che l'acqua sia fornita con una buona pressione in tutto il sito. Inoltre, se hai una testa debole, è necessaria una pompa senza serbatoio in modo da poter svuotare rapidamente e bene l'intero appezzamento di terreno. La cosiddetta stazione di pompaggio per l'irrigazione del giardino dovrebbe essere posizionata vicino a una fonte d'acqua, sia essa un tubo di approvvigionamento idrico centralizzato o serbatoi.

Sistemi di irrigazione del giardino

Quando hai organizzato una buona testa per l'irrigazione sul tuo sito, e anche installato serbatoi con approvvigionamento idrico, procediamo all'irrigazione stessa. Probabilmente, molti residenti estivi saranno d'accordo con noi sul fatto che è abbastanza difficile annaffiare il giardino con le proprie mani, soprattutto se il giardino ha una vasta area. Inoltre, è abbastanza difficile annaffiare vari tipi di piante: per un tipo di pianta, l'irrigazione deve essere fatta con attenzione per non lavare il terreno alla radice, per le altre piante, l'irrigazione deve essere fatta in modo intensivo. In questo caso, gli alberi vengono solitamente annaffiati a mano. Come organizzare tutto questo sul tuo sito?

L'opzione più semplice per organizzare l'irrigazione in un cottage estivo è quella di diramare i tubi, avendo precedentemente diviso visivamente l'area in settori. Condurre i tubi a ciascun settore, alla fine dei quali collegare un tubo. Puoi far scorrere i tubi stessi sia sopra il terreno che sotto di esso, poiché è più conveniente per te. Ma con tutto questo, annaffiare con le mani, come detto sopra, è abbastanza difficile.

Irrigazione semiautomatica del giardino

Puoi costruire un'irrigazione semiautomatica del giardino. Per fare ciò, è necessario avvolgere la tubazione suburbana e far scorrere tubi flessibili o tubi di plastica lungo i letti, in cui è possibile praticare piccoli fori, dirigendo il flusso nel terreno vicino alle piante. Il cablaggio ad anello deve essere realizzato con tubi di plastica, ma il cablaggio "a letto" è opzionale. Di fronte a ogni settore su cui è piantato un certo tipo di colture, è necessario installare un rubinetto, con il quale regolerai la pressione dell'acqua durante l'irrigazione.

Irrigazione automatica del giardino

L'irrigazione automatica di un orto differisce dall'irrigazione semiautomatica in quanto durante l'irrigazione automatica si avvia da sola, un timer la avvia. Cioè, si imposta un certo intervallo di tempo in cui il sistema di irrigazione si avvierà automaticamente.

Attrezzatura per l'irrigazione del giardino

Puoi anche utilizzare strumenti speciali per annaffiare il tuo giardino, come: irroratori, irrigatori e centrifughe.

Gli spruzzatori vengono utilizzati per irrigare manualmente un'area. Lo spruzzatore è posto all'estremità del tubo ed ha la forma di una pistola (il più delle volte). Lo spruzzatore regola la pressione dell'acqua e la direzione del getto per l'irrigazione.

Gli irrigatori sono un ugello fisso che viene posizionato a terra e spruzza l'acqua attraverso un gran numero di piccoli fori.

Un altro tipo di dispositivo per annaffiare il giardino sono i giradischi. I giradischi sono posizionati al centro dell'area da irrigare. Grazie alla possibilità di ruotare, i giradischi verseranno il giardino in modo uniforme e bene. Se necessario, i giradischi possono essere installati sopra il livello del suolo, in luoghi dove sono presenti piante alte.

Se i tubi vengono fatti passare sopra le piante, allora in questo modo si può costruire un sistema di irrigazione a goccia in cui la pianta verrà costantemente annaffiata in piccole quantità, grazie alle gocce che scaricheranno dalla valvola di controllo.


Come sorprendere i colleghi di lavoro

In molti collettivi, era consuetudine organizzare un tavolo da buffet circondato dai colleghi nel giorno del loro compleanno. Spesso trascorriamo più tempo al lavoro che con i nostri familiari, quindi vogliamo che questa vacanza sia indimenticabile per noi stessi e per i nostri colleghi.

Ognuno sceglie come celebrare questa festa. Ma molto spesso la persona del compleanno porta il cibo al lavoro ei colleghi organizzano i tavoli in previsione di una piacevole comunicazione al tavolo festivo.

Per molti, il rito del "deporre" sembra molto difficile, si potrebbe dire, non realizzabile. Soprattutto per chi lo fa per la prima volta. I consigli pratici di coloro che sono stati colleghi sorprendenti per molti anni aiuteranno a colorare questa vacanza preferita.

Ci sono tre delle opzioni più popolari per ospitare questa celebrazione in ufficio.

Buffet

Se la squadra è numerosa, è meglio organizzare un tavolo da buffet. I dolcetti sono sui tavoli ei partecipanti all'evento vengono ai tavoli e prendono quello che vogliono. Di solito questa opzione è preferita nel collettivo in cui lavorano i giovani.

Banchetto

In questo caso, tutti i partecipanti alla celebrazione si siedono ai tavoli. Se è un anniversario, è meglio festeggiare l'evento in un ristorante. Molto spesso, l'eroe del giorno ordina una stanza separata e si scopre un evento solenne che differisce dalle solite riunioni dopo il lavoro.

Trattare

Questa opzione è comoda quando le cene si svolgono in orari diversi. Il festeggiato distribuisce snack, dolci, frutta ai suoi colleghi, che è riuscito a catturare, riceve congratulazioni, ed è qui che finisce la vacanza.

Si ritiene che gli eventi collettivi avvicinino i colleghi ed è più facile per i principianti entrare a far parte di un nuovo team se organizzano il loro compleanno al lavoro.


La zucca più pesante

Probabilmente, non c'è persona al mondo che non abbia familiarità con la magica storia di Cenerentola. E tutti conoscono il ruolo che la zucca ha avuto nel destino dell'orfano che è diventato una principessa felice. Una piccola quantità di magia era sufficiente e un normale ortaggio si trasformò in una lussuosa carrozza. Oggi, invece della magia, i fertilizzanti vengono utilizzati per far crescere un vero gigante.


Segreti della vecchia Chelyabinsk: esperimenti di giardinaggio

Secondo la testimonianza di storici e biologi, le prime colture orticole arrivarono negli Urali e nei Trans-Urali intorno al XV e XVII secolo insieme ai coloni russi. L'accademico Ivan Lepekhin, in viaggio negli Urali nel XVIII secolo, notò la presenza di orti nei villaggi di Tatars, Udmurts, Mari e Permian Komi. Ma i Bashkir non avevano orti: in quegli anni vagavano ancora per le steppe degli Urali meridionali.

Tuttavia, a Chelyabinsk, sin dal suo inizio, molti residenti hanno prestato maggiore attenzione al mantenimento del bestiame e per niente agli orti. Nel 1798, secondo l'inventario del bestiame consegnato al pastore per il pascolo, in città c'erano 551 mucche, 16 tori, 46 giovenche e 13 ghiozzi. Dal 1802, gli abitanti di Zarechenye si separarono da quelli urbani e due grandi mandrie di mucche si formarono a Chelyabinsk contemporaneamente.

Tuttavia, possedere un appezzamento di terreno recintato è sempre stato un sogno dei cittadini. La City Duma ha esaminato le petizioni per l'assegnazione di terreni alla proprietà privata. In caso di decisione positiva, il luogo scelto dal cittadino per il giardino veniva misurato e trasferito a lui "in possesso eterno ed ereditario con la riscossione dei doveri legalizzati". Il terreno per le proprietà cittadine per edifici e per orti a Chelyabinsk è stato inizialmente assegnato gratuitamente. Ma poi, secondo la legge del 27 settembre 1798, furono pagati 3 copechi per metro quadrato (circa 4,5 metri quadrati) per l'acquisizione di terreni di proprietà in proprietà. Più tardi, negli anni '70 dell'Ottocento, il prezzo salì a 15 copechi. Intorno al 1900, il prezzo di acquisto della terra salì ancora: da 50 copechi a 1 rublo e anche di più. La tariffa ha cominciato a dipendere dall'ubicazione del sito: più vicino al centro o in periferia.

La gamma di ortaggi coltivati ​​negli orti degli Urali non era piccola, come, in effetti, lo è ora. E non sapevano davvero come prendersi cura di ciò che seminavano. In tutta onestà, è piuttosto difficile adattarsi all'agricoltura della nostra zona. Le piantagioni sono morte per il ritorno del freddo e la neve, caduta improvvisamente dopo il caldo quasi estivo, ha sofferto di umidità in eccesso in primavera e all'inizio dell'estate, deteriorata dalle prime gelate più vicine all'autunno.

Il cortile della casa di Konstantin Teploukhov. 1909 "Old Chelyabinsk in cartoline e fotografie" / Chelyabinsk: Stone Belt, 2008

Era anche peggio con i giardini privati ​​a Chelyabinsk. Se le prime menzioni di giardinaggio in Russia risalgono ai secoli X-XI, allora nella nostra zona i frutteti privati ​​di frutta e bacche compaiono solo nella seconda metà del XIX secolo. Lo storico Nikolai Chernavsky notò che fino al 1874, per i festeggiamenti in occasioni speciali, il pubblico cittadino si radunava dall'altra parte del fiume in un giardino privato Motovilovsky, dove allora si svolgeva il giardinaggio di Vysotsky. Questo giardino si trovava in via Beregovaya (ora c'è una scuola di correzione).

Lyutov e Veprev, nel loro libro sul distretto Leninsky, menzionano il meleto dell'ingegnere Kossovsky nell'area di Port Arthur. Il giardino non è sopravvissuto - ora la strada "Meridian" passa su questo luogo. Anche il giardino vicino a una delle case più antiche di Chelyabinsk - la casa di Novikov (ora Truda Street, 86) - non è sopravvissuto. La nipote del sacerdote Neapolitanov ha notato nelle sue memorie che questo giardino si trovava proprio sulle rive del fiume Miass.

Le prime informazioni sui giardini nel sobborgo di Chelyabinsk risalgono al 1902: è noto che nel villaggio di Fateevka il contadino Kolbin non solo posò un frutteto, ma sviluppò anche nuove varietà di meli.

Nel 1902, l'ufficiale delle accise Konstantin Teploukhov costruì una casa su Vostochny Boulevard (ora Mogilnikov Street). Nei suoi diari descriveva in dettaglio il suo giardino e orto, così come la cura della famiglia per loro.

“Nel cortile erano sistemati: una cantina in legno con ghiacciaio, una tettoia per le carrozze, una grande stalla con tre vani ... a destra c'è un giardino, dietro i servizi c'è un orto. La moglie si è occupata diligentemente dell'orto e del giardino - anche durante la costruzione della casa, nel giardino sono state realizzate due serre capitali con cornici, e lei ha piantato nelle serre, sistemato aiuole, livellato e dissotterrato l'orto. Volevo in giardino e sul lato sinistro del cortile, separato da un lungo reticolo, invece delle noiose acacie e pioppi - piantare ciliegi, sorbi più volte ho provato, ma o eravamo inetti, oppure i cespugli lo erano senza successo, ma non sono stati accettati.

Segreti della vecchia Chelyabinsk: fontana mercantile

Nel 1903 una parte del giardino fu presa per i lamponi e la moglie iniziò a piantare. Acacie e lillà sono stati piantati nel giardino - ho fatto aiuole nel vicolo risultante, mia moglie ha piantato fiori. Ho ordinato semi di fiori e giardini da Immer (stazione sperimentale a Mosca). Mandi una cartolina e in una settimana ottieni tutto: i prezzi sono economici, i semi sono meravigliosi. Mia moglie, a proposito, ha scritto una straordinaria varietà di lamponi: tre radici, molto costose, quasi un rublo per radice. Ricevuto al sicuro. La copertura è buona ... Abbiamo scelto il posto migliore, l'abbiamo piantata con tutte le precauzioni, l'abbiamo annaffiata ... L'abbiamo piantata la sera, e di notte la nostra mucca si è arrampicata in giardino, l'ha rovinata un po ', ma l'ha tirata fuori e masticato queste preziose radici ... A quel tempo non pensavano nemmeno all'approvvigionamento idrico della città: era problematico trasportare o trasportare l'acqua dal torrente. Volevamo davvero scavare un pozzo, ma il terreno è impossibile: una pietra.

1905 anno. Cominciarono i soliti lavori nell'orto e nell'orto. La moglie continua a ridurre le colture orticole, espandere i lamponi. Da qualche parte ho tirato fuori e piantato diversi cespugli di fragole da giardino "Victoria" - bacche con prugne ... Questi cespugli ci hanno dato molti minuti spiacevoli per due o tre anni ... Hanno accettato e sono cresciuti magnificamente fiorendo ancora meglio e ... no una sola bacca ... Poi ho strappato tutto con piacere.

1906 anno. Il giardino cresceva, i lamponi crescevano bene. La moglie ha piantato aiuole lungo il vicolo con fiori - oltre a enormi astri, ha anche piantato viole del pensiero - di tutte le dimensioni e colori.

L'anno è il 1910. Il giardino sembrava un vero giardino. Pioppi lungo il recinto fino alla scuola e alberi di acacia in mezzo: i cespugli di lillà dall'altra parte erano già più alti di me. Progettato il vicolo, cosparso di sabbia. Lungo i bordi del vicolo, ha steso una bassa barriera di pietre per evidenziare gli alberi, aiuole rinnovate. Ho piantato cespugli di rose gialle intorno alla terrazza - l'ho preso dalla fabbrica Pokrovsky. Negli anni precedenti, abbiamo piantato ¾ orti con verdure - principalmente patate, cetrioli - c'erano anche carote, rape, barbabietole - i cavoli non funzionavano. Tuttavia, le verdure dovevano essere curate - annaffiate, diserbate e alla fine, in autunno, abbiamo ricevuto verdure, valutandole al prezzo di mercato - a cinque o otto rubli.Abbiamo deciso che era molto più facile comprare le verdure e occupare l'orto con i lamponi, lasciando un orto per i cetrioli e un altro per le patate. Mia moglie stava piantando lamponi, io ho piantato diversi cespugli di uva spina, due o tre cespugli di ribes nero e uno rosso ".

Giardino dei Teploukh. 1910 "Konstantin Teploukhov" / Chelyabinsk: Stone Belt, 2015

Senza esagerare, il fiorire del giardinaggio amatoriale a Chelyabinsk arriva dopo il 1910, con l'emergere della Società di agricoltura di Chelyabinsk. La società ha svolto un grande lavoro educativo, divulgando l'idea stessa di giardini ornamentali e produttivi e fornendo ai giardinieri un aiuto metodologico. La creazione della società è stata iniziata da due Nikolai: Kudrin e Pokrovsky.

Già nel 1913 l'organizzazione divenne una delle più numerose e influenti della città: la Società Agricola di Chelyabinsk comprendeva più di 400 persone, di cui 17 specialisti nella regione agraria, 191 contadini, 4 medici, 197 dipendenti.

Grazie a questo supporto "personale", la società è stata in grado di iniziare a preparare sementi per ortaggi e altre colture, allacciando contatti con noti centri di allevamento, anche in Europa, dove il giardinaggio privato è da tempo in piedi, e mostre di sementi e le piantine sono diventate eventi importanti. Così la società pose le basi per l'approvvigionamento organizzato della popolazione di Chelyabinsk e dell'intero distretto con semi di cereali e colture orticole, radici ed erbe e piante fiorite. Tenere le proprie mostre ha contribuito alla divulgazione e alla distribuzione di nuove colture da giardino: pomodori, cavolfiori, tabacco turco.

La società aveva anche una propria biblioteca tematica, che conteneva più di 500 titoli di libri e riviste. La richiesta di questa letteratura, tra l'altro, si è rivelata così grande che la società ha dovuto organizzare un commercio speciale di libri e riviste. Tutta questa letteratura è stata acquistata a credito da noti editori con uno sconto del 15-35%, e quindi è stata distribuita a prezzi di catalogo, o anche inferiori.

Annuncio sul giornale "Foglia di Chelyabinskiy" per l'11 marzo 1915

Infine, è sorta presto la questione di organizzare corsi di agricoltura speciali. Diventando loro ascoltatori, i residenti di Chelyabinsk e quelli del distretto sono stati divisi in piccoli gruppi di 3-5 persone e hanno ricevuto le indennità necessarie per la durata dei loro studi. La formazione è durata circa 200 ore, oltre 30 giorni, e comprendeva lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche.

Chissà quali altezze avrebbe raggiunto il giardinaggio di Chelyabinsk, così come la società che lo ha promosso in città, se non per la prima guerra mondiale. Quasi tutti gli agronomi e i contadini che hanno condotto esperimenti di allevamento nelle loro fattorie private sono stati mobilitati al fronte. Grazie alla natura energica del presidente della società, Nikolai Kudrin, è stato possibile preservare la vitalità dell'organizzazione in condizioni di guerra. Il commercio di sementi e attrezzi agricoli non si è fermato, così come l'assistenza educativa a chi ne aveva bisogno. Inoltre, fu durante il periodo della guerra che un orto industriale e un vivaio per 8 acri (una desiatina equivale a 1,09 ettari) furono posti vicino a Chelyabinsk vicino a un caseificio. In questo posto adesso - i resti del giardino Chelyuskintsev. Sono stati inoltre posati nuovi campi di patate di 70 acri.

Ma la dimensione della società è stata ridotta prima a 125 e poi a 74 persone in tutto.

Dopo che Kudrin fu trasferito per lavorare nell'amministrazione zemstvo, l'organizzazione era guidata da Mikhail Protasov, che aveva anche una vasta esperienza nella coltivazione della frutta e nell'orticoltura. Per aiutarlo, furono selezionati due allevatori sul campo, oltre a un giardiniere e un giardiniere tra i prigionieri di guerra tedeschi. Grazie a ciò, la società ha continuato il suo lavoro di selezione, ha fondato il proprio giardino di piante ornamentali e da frutta e bacche, è stata in grado di far conoscere ulteriormente ai residenti di Chelyabinsk le tecnologie avanzate per la coltivazione di ortaggi e colture di frutta e bacche.

Il 13 maggio 1916, il governatore di Orenburg inviò un telegramma al consiglio comunale di Chelyabinsk: "Al fine di abbassare i prezzi per le verdure e l'istruzione entro il prossimo anno, sono necessarie grandi scorte di ortaggi per gli zemstvos della città, proprietari privati ​​per allocare lotti gratuiti a cento braccia quadrate a chiunque voglia allestire orti, la più piccola tariffa. L'attuazione di questa misura deve essere urgente per non perdere la stagione ".

Annuncio dalla pubblicazione di pubblicità e informazione "Chelyabinskiy leaf" per il 20 maggio 1915

Molti residenti di Chelyabinsk hanno risposto attivamente a questa chiamata, ma la carenza di terreni coltivati ​​ha portato al fatto che entro la fine del 1916, i lotti per gli orti sono aumentati in modo significativo di prezzo: il prezzo per 1 metro quadrato ha raggiunto i 3 rubli. Inoltre, gli appezzamenti per gli orti sono stati assegnati non solo a individui, ma anche a molte istituzioni e organizzazioni: un'infermeria, ospedali di evacuazione, un comitato dell'Unione tutta russa Zemstvo, il Comitato europeo per gli aiuti ai rifugiati e altri. La Duma di Chelyabinsk ha dato loro terra gratuitamente per una stagione. Apparvero le cooperative agricole del ramo, ad esempio, l'Associazione agricola degli insegnanti, che aveva i propri orti.

Durante la prima guerra mondiale, a Chelyabinsk è stata creata anche l '"Associazione laburista dei giardinieri". Nel 1917, la società aveva sviluppato una propria carta, in base alla quale ogni cittadino che avesse raggiunto l'età di 17 anni, non avesse precedenti condanne ed era in grado di lavorare, poteva aderire alla partnership. L'ordine nella partnership era rigoroso. Per violazione dello statuto o mancato rispetto delle decisioni dell'assemblea generale, per comportamento indegno o atteggiamento negligente al lavoro, l'autore del reato è stato escluso dalla partnership e privato del diritto di ricevere la sua quota dei prodotti. Le attività di questa partnership hanno inoltre contribuito in modo significativo allo sviluppo dell'agricoltura a Chelyabinsk e nell'area circostante.

Sulla base delle pubblicazioni di K. Teploukhov, E. Turova, N. Chernavsky.


Come organizzare il proprio vivaio - giardino e orto

sottoscrivi
alla nostra newsletter via e-mail

Vita di campagna: come organizzare un'area ricreativa, un parco giochi e un orto in un unico sito

Helen Kucherova è una calzolaia con gli stivali: nel progetto del suo sito nella regione di Mosca, ha agito sia come cliente che come designer. Capendo perfettamente di cosa ha bisogno la famiglia, Helen ha soddisfatto sia suo figlio, che aveva un parco giochi con una casa dei sogni, sia suo marito, un amante del calcio. E la designer ha trovato il suo posto di potere. in giardino.

La designer Helen Kucherova ha iniziato a progettare il suo giardino nella fase di scelta della casa. "Abbiamo acquistato un appezzamento di terreno nella zona di 25 acri nudo, non c'era praticamente nulla lì, solo un edificio di nuova costruzione", dice Helen. Ma la sua posizione giocava un ruolo fondamentale: i proprietari volevano vedere il sole che tramontava la sera, e la mattina all'alba per non nascondersi dai raggi del sole cocente, in modo da poter uscire sulla fresca veranda ombreggiata, fare colazione all'aperto. e sintonizzati per la giornata. "Sulla base di questo, ho iniziato a immaginare come dividere lo spazio in zone uguali separate", continua il designer.

Il sito, infatti, è stato suddiviso in quattro zone: una zona veranda dove si possono ammirare il viale degli aceri e gli alberi da frutto, una zona gazebo con cucina esterna e un piccolo ripostiglio dove sono nascosti tutti gli attrezzi necessari per grigliare, un'area bambini e un orto. Gli spazi si sono rivelati unificati, ma allo stesso tempo isolati. Quindi, per la famiglia di Helen era importante che la cucina di strada non fosse ben visibile da casa: era posizionata appositamente a una certa distanza in modo che la cucina avesse il suo scenario di vita separato, dove passare il tempo rumorosamente con amici e familiari . “C'è anche una TV lì dentro! Abbiamo costruito questo corner proprio durante la Coppa del Mondo, quindi la TV è diventata uno dei requisiti fondamentali di mio marito ”, ride Helen. E la presenza di una lavastoviglie rende la cucina completamente autonoma da casa.

Quando gli ospiti non sono presenti, la famiglia di solito utilizza la veranda, che è direttamente adiacente alla casa. Lì, il designer ha posizionato una zona relax con divani in vimini e un tavolo. "Penso che sia corretto: quando ci sono entrambi, il sito ti permette di non interferire con l'area pubblica con quella più privata", spiega Helene.

Helene ha riservato uno spazio separato dietro la casa per un orto. “Quando abbiamo acquistato la casa, inizialmente abbiamo avuto l'idea di realizzare un orto a tutti gli effetti. Non solo un giardino, ma un orto: con una serra, con aiuole ... ”dice Helen. Gli è stato assegnato il lato sinistro della trama con un prato soleggiato, che è praticamente invisibile sia dal lato dell'ingresso che dal lato del giardino. "Abbiamo una fattoria a tutti gli effetti lì", dice Helen con orgoglio, "ci sono fragole, vari frutti di bosco come il ribes, coltiviamo verdure, broccoli, cetrioli, carote ... quest'anno hanno invaso i pomodori". Alla domanda su come fosse intraprendere la strada dell'agricoltura, Helen risponde: “Mi è sembrato molto naturale e naturale quando si ha la terra. Certo, non volevamo dare l'intero appezzamento di terreno per un orto, ma lasciarne almeno un pezzo per cimentarci, credo, sia sempre utile. Inoltre, mia madre è un agronomo per educazione, quindi ha subito tenuto un programma educativo con me, dicendomi cosa bisogna fare per creare la sua eco-città. La differenza fondamentale tra un orto ordinario ed un eco- è che si preferiscono fertilizzanti naturali ed eco-semi che non siano stati sottoposti ad alcun trattamento chimico o ad operazioni geneticamente modificate ".

"Tutto qui dipende già dalle tue ambizioni, da cosa sei pronto a invadere: per qualcuno è sufficiente coltivare aneto, timo e rosmarino, e qualcuno è pronto a sfidare se stesso e provare a far crescere creature più capricciose che richiedono una certa cura . Ma l'appetito arriva mangiando, quindi puoi sempre iniziare in piccolo ”, dice la padrona di casa, trascinata. Per evitare il maltempo per il raccolto, il progettista ha anche posizionato una serra nell'area del giardino. Una bella caratteristica si è rivelata essere le finestre che si aprono automaticamente quando fa troppo caldo nella serra. Ma anche il componente esterno per Helen come designer era importante, quindi la scelta è caduta su una struttura leggera, che è stata verniciata appositamente per abbinarsi al posto auto coperto.

Anche il figlio di Helen, romano di otto anni, si è intriso di giardinaggio: "È sempre così felice quando veniamo in serra, e lì è cresciuto qualcosa, dice subito:" Mamma, ti ricordi come abbiamo piantato un seme ? E ora ne è cresciuto un intero cetriolo! " - dice Helene con una risata, ma con orgoglio. - In generale, mi sembra che sia molto importante per una persona moderna vedere i frutti del suo lavoro, perché oggi molti di noi lavorano con qualcosa di virtuale. Prima, sì, un falegname lavorava il legno e costruiva una casa, un vasaio con l'argilla e faceva una tazza. E ora stiamo facendo cose astratte. Pertanto, il lavoro legato alla terra, soprattutto per i bambini, sta diventando un chiaro esempio di come il lavoro possa trarne i frutti ".

E dopo le sue scoperte agricole, Roman si concede di rilassarsi già sul proprio territorio: sul sito c'è un angolo per bambini con una vera casa. "Non volevamo ordinare piattaforme standard, che ora sono popolari: non mi piacciono molto e inoltre usano spesso la plastica, che abbiamo subito abbandonato. Pertanto, abbiamo invitato Yuri Syrkov, da molti anni crea spazi di gioco per bambini e studia il gioco, la psicologia infantile, come i bambini giocano e percepiscono lo spazio. Sulla base di questo, progetta strutture molto interessanti ", afferma il designer. Quindi, oltre a una diapositiva, una sandbox e un tavolo da disegno, è apparso il sogno di ogni bambino: una casa. “Ho già detto che abbiamo acquistato la trama completamente nuda, quindi era impossibile posizionare una casa sull'albero, ma il maestro ha escogitato un'alternativa: una casa su palafitte, a cui c'è un percorso separato dalla casa principale. Sembra intrigare e farti fare un passo avanti ". All'interno della casa c'è un tavolo, delle panche, un posto per i giocattoli, a volte Roman organizza il tè lì con gli amici. C'è una sabbiera sotto la casa, e poiché la casa stessa funge anche da tetto, la sabbia non si bagna durante la pioggia. Una finestra diventa un elemento del gioco, da cui è possibile uscire e scendere a terra lungo una scala annessa.


Guarda il video: Quiet book Asilo nido