Campanula: linguaggio dei fiori e delle piante di campanula

Campanula: linguaggio dei fiori e delle piante di campanula

LINGUAGGIO E SIGNIFICATO DEI FIORI E DELLE PIANTE

CAMPANULA

Campanula

spp. (famiglia

Campanulaceae

)

Nel linguaggio dei fiori la campanula ha due diversi significati contrapposti: da una parte infatti viene considerata il simbolo della speranza edella perseveranza per il fatto di essere una pianta rustica e pioniera che cresce anche là dove altre piante non sopravviverebbero e apre la strada ad altre specie; dall'altra evoca delle immagini poco rassicuranti tanto da essere chiamata la campana dei morti in quanto antiche leggendesostengono che chi sente il tintinnio di una campanula, è destinato a morire in breve tempo.

Si dice anche che i prati di campanule siano abitati dalle fate maligne per cui non è prudente sostare in quei luoghi.

In Scozia la campanula è chiamata Old man bell che significa «Campanella del demonio».


Linguaggio dei fiori di colore viola

I fiori di colore viola, come quelli di colore blu e quelli di colore rosa, sono molto diffusi in natura, esistono infatti moltissime piante selvatiche che hanno fiori di questo colore. Il viola e quindi i fiori di colore viola molte volte sono associati a sentimenti negativi, poiché popolarmente si crede questo splendido colore porti sfortuna. La credenza che il viola porti sfortuna nasce in epoca medioevale, quando durante il periodo quaresimale gli artisti non potevano esibirsi e si trovavano a dover fronteggiare ben 40 giorni di carestia. Il viola era il colore simbolo dei giorni di quaresima perché i sacerdoti indossavano delle stole proprio di questo colore.

Lasciando stare le credenze popolari ed il vero motivo per il quale in viola può essere in qualche modo associato alla sfortuna, se si guadano bene le composizioni di fiori viola ci si rende conto che esse sono, in verità, fra le più eleganti, sobrie e raffinate che si possano creare.

Cosa simboleggiano

I fiori di colore viola generalmente simboleggiano: la nobiltà, il potere, il rispetto, la dignità, il successo e la realizzazione di se, l’orgoglio ed il mistero. Essendo il viola presente in molte sfumature è bene precisare che nelle sue tonalità più chiare esso rappresenta invece l’eleganza, la grazia e la femminilità, i fiori di color “violetto” assumono, quindi, un significato simile a quello dei fiori rosa.

Quando e a chi regalarli

I fiori viola possono essere regalati ai neolaureati per celebrare la loro realizzazione ed incoraggiarli a fare bene in futuro, ad un amico per dimostrargli rispetto. Sono i fiori adatti da regalare durante una cerimonia formale oppure possono essere donati alla padrona di casa in caso di un invito a pranzo o a cena. I fiori color violetto, invece, sono i fiori ideali da regale a tutte le persone che non vediamo da tanto tempo.

Nota: Per via della falsa credenza che circonda il colore viola sarà bene evitare di regalare un bel mazzo di fiori viola alle persone troppo scaramantiche.

Tra i fiori di colore viola i più diffusi e originali sono: l’astro, l’astranthium integrifolium, il lillà, l’hibiscus, la calla, il garofano, l’eustoma (lisianthus), l’anemone, la fresia, l’ortensia, il giacinto, il limonium, la veronica, la viola del pensiero, la campanula, la viola, la violaciocca, l’iris, la vanda, l’orchidea, la lavanda, il tulipano, la dalia, la scabiosa, la petunia ecc.


Vivere i fiori: La campanula Piccola e forte

La campanula fa parte della famiglia delle campanulaceae, che comprende 300 specie distribuite, nelle regioni temperate e subtropicali dell’emisfero boreale, soprattutto nelle montagne dell’Europa, dell’Asia minore e nel bacino Mediterraneo, mentre quasi una dozzina è del nord America.

Tra le specie più comuni e diffuse c’è la campanula cochalearifolia, il cui periodo di fioritura va da maggio a giugno, è originaria delle Alpi con una vegetazione di colore verde brillante, che si sviluppa creando un tappeto che, all’inizio della stagione estiva, si copre di un gran numero di fiori di colore azzurro pallido.

Le altre sono la campanula fragilis, il cui periodo di fioritura va da giugno a luglio, originaria dell’Italia meridionale dove cresce in prevalenza nei luoghi calcarei e nelle zone costiere, che non può essere coltivata in giardino, ma deve essere tenuta in vaso e la campanula garganica, il cui periodo di fioritura varia a seconda la zona in cui è piantata, maggio e giugno oppure giugno e luglio, è una pianta di origine italiana che nello specifico cresce spontanea sul monte Gargano.

All’estero molto famosa è la campanula pyramidalis, originaria della Dalmazia, il cui periodo di fioritura va da giugno ad agosto e che arriva un’altezza di 2 metri.

Il nome campanula deriva dalla forma del fiore che ricorda quella di una campana e la sua origine è probabilmente molto antica, anche se fu ufficialmente citato solo nella seconda metà del XVI secolo per opera di Dodoens.

Alcune delle specie spontanee presenti sul territorio italiano, come la campanula rapunculoides e la campanula persicaefolia, vennero per lungo tempo coltivate come ortaggi, poiché le loro radici carnose, dal sapore dolciastro, dovuto alla presenza d’inulina, erano abitualmente mangiate.

Inoltre le foglie e i fiori della pianta sono stati usati dalla medicina popolare per preparare colluttori contro le infiammazioni della bocca e della gola, per benefico effetto che le sostanze resinose in essi contenuti esercitano sui tessuti.

Come fiori ornamentali le campanule arrivarono nei giardini per esser coltivate a partire dalla seconda metà del XVI secolo, dopo che tra il 1596 e il 1597 Gerald raccolse in Inghilterra numerosi esemplari di campanula persicaefolia, campanula pyramidalis e campanula medium che nella flora spontanea inglese non esistevano.

In Italia, invece, le medesime piante vi arrivarono parecchi decenni prima, mentre in Francia la campanula fu introdotta solo nel 1774.

In Scozia la campanula, arrivata qualche anno dopo esser stata portata in Inghilterra, è chiamata old man bell cioè la campanella del demonio.

Nel linguaggio dei fiori e delle piante la campanula ha due diversi significati, nell’area mediterranea, è il simbolo della speranza e della perseveranza, ma, soprattutto nei paesi del nord Europa, è definita la campana dei morti, secondo le antiche leggende infatti chi sente il tintinnio di una campanula, è destinato a morire in breve tempo.


Pianta non esigente dal punto di vista della cura, la campanula (Campanula L., 1753) ГЁ una pianta ottima per creare delle bellissime bordure nel giardino di casa.

Il suo nome deriva dalla forma dei suoi fiori, che assomigliano a tante piccole campane – in latino Campanula significa appunto “piccola campana”.

È una pianta spermatofita dicotiledone che appartiene alla famiglia delle Campanulaceae (sottofamiglia Campanuloideae). Ne esistono oltre 2000 specie, divise in 84 generi.

PuГІ essere coltivata anche in vaso e, in questo caso, ГЁ bene utilizzare vasi profondi perchГ© le sue radici crescono in profonditГ .

Non teme il freddo e predilige zone a mezz’ombra. Attenzione invece alle piante infestanti, soprattutto in periodo di non fioritura.

Normalmente la campanula non ha particolari insetti nocivi, nГ© particolari malattie che possano danneggiarla. Г€ invece piГ№ importante preparagli un buon terreno che deve essere ben drenato. Potete concimarla nel periodo vegetativo con concime liquido da piante da fiori.

Campanula: tabella riassuntiva

La campanula si riproduce per impollinazione, per talea o per dispersione dei semi.

Nel mio giardino alcune piante sono nate – con molta probabilità – per dispersione dei semi, in posti impensabili, ad esempio accanto alla porta della serra, tra una fessura del cemento dove evidentemente hanno trovato un pò di terra.

Incredibile vero? Tanta attenzione per la scelta del terreno, la concimazione, l’esposizione al sole. e poi guarda dove va a proliferare la campanula!

Famiglia: Campanulacee

Fioritura: maggio

Moltiplicazione: seme, talea, dispersione del seme

Terreno: ben drenato. Mezz'ombra

Altezza: circa 10-15 cm, a seconda delle specie

Origine: zona mediterranea, in parte l'Asia, l'Africa, l'isola di Capo Verde

Nella foto, una campanula cresciuta spontaneamente vicino alla porta della serra

Una bellissima borduna per il giardino

La pianta della Campanula, se volete, può essere potata per favorire la crescita dei fiori a fine inverno / inizio primavera. Io personalmente non l’ho mai fatto, e i fiori sono cresciuti regolarmente, come potete vedere dalle foto.

Meglio – ripeto – fornirgli un buon terreno, concimato ma soprattutto ben drenato. Per il resto ci penserà la pianta stessa a fornirvi una bellissima bordura che fiorirà nelle prime settimane di maggio. A fine fioritura rimarrà una pianta sempre verde, comunque bella da vedere.

Attenzione invece alle erbacce che possono crescere e che sarГ poi piГ№ difficile togliere senza in parte rovinare le campanule stesse.

Il nome latino Campanula significa letteralmente "piccola campana". La forma del fiore ГЁ infatti simile ad una piccola campana.

Per la sua caratteristica di essere una pianta rustica, che cresce laddove altre piante non crescere, la campanula ГЁ simbolo di perseveranza e di speranza.

Non teme particolarmente il freddo, ama terreni ben drenati ed esposizione a mezz'ombra.
Per aumentare e sostenere la fioritura, ГЁ raccomandabile potare la pianta a fine inverno / inizio primavera.

Г€ una pianta molto resistente, con una ridotta manutenzione.
Non ci sono malattie o parassiti significativi che possano danneggiarla.
Vi raccomando di tenere il terreno pulito e privo di erbacce.


Moltiplicazione del Platycodon

In autunno le piante di Platycodon possono essere seminate in serra, ma anche essere riprodotte per talea in estate o divisione dei cespi e foglie in primavera.

Divisione dei ceppi

Da praticare solo se la pianta perde vigore e fiorisce di meno.

Semina

Procedimento molto semplice. Basta raccogliere i semi a fine estate e mantenerli freschi fino a primavera. In aprile si può procedere con la semina in terriccio speciale, coprendo i semi leggermente. Annaffiare fino al sollevamento in tre o sei settimane.


Campanula: semi

Curiosi di come la Campanula coltivata nel nostro vasetto, o giardino se abbiamo la fortuna di averlo, può svilupparsi e fiorire, lanciamoci nella coltivazione di questa pianta molto europea. Ecco 1000 semi di Bell Blue, una bustina costa 1,40 euro e ci regalerà piante di altezza variabile, da 10 a 60 cm.

Un fiore simile alla campanula soprattutto per quanto riguarda il colore del fiore a cui abbiamo dedicato un articolo che potrebbe interessarti è l’aquilegia.

Ti potrebbero interessare anche i seguenti articoli:

  • Piante medicinali: elenco e schede
  • Narciso: fiore e proprietà
  • Ginko Biloba: pianta e coltivazione
  • Lillà: pianta e sue proprietà


Video: Campanula Persicifolia Takion blue