T - le parole del giardiniere - il lessico del giardino

T - le parole del giardiniere - il lessico del giardino

T - Le parole del giardiniere

Macchie nere, potatura di addestramento, potatura di pulizia, tallone, ticchiolatura, tontine, arte topiaria, tracciamento, trapianto ... Scopri tutte le parole T che trovi nelle schede piante o verdure sul nostro sito web. Le parole dell'orto, le parole del giardino ornamentale. Le parole di frutta e cultura, le parole di gesti e strumenti, le parole di malattie e parassiti ... Tutte le parole del lessico che iniziano con una T, l'elenco non è completo, non esitate a contattarci per domande o segnalazioni carenze, le completeremo il più rapidamente possibile. Grazie.

Macchie nere (malattia):

La malattia dei punti neri, o anche Marsonia (malattia fungina), è una malattia che colpisce le rose.

Dimensioni dell'allenamento:

È una dimensione che tocca la silhouette, la cui ambizione può essere semplicemente estetica, oppure con l'obiettivo di ramificarsi o di aiutare a crescere in modo più abbondante.

Dimensioni di pulizia:

È un metodo di potatura il cui scopo è rimuovere rami danneggiati, malati o morti. Questa è anche un'opportunità per rimuovere le infiorescenze appassite. Viene praticato dopo la stagione di crescita.

Tacco :

Il tacco è un impasto situato alla base di un ramoscello, è ricercato per produrre un taglio. Per questa operazione recuperiamo il tallone più il ramo.

Crosta:

La ticchiolatura è una malattia fungina che colpisce particolarmente i meli e i peri. produce macchie sulle foglie e poi i frutti appassiscono.

Tegumento:

Il rivestimento del seme è un tessuto di materiale vegetale o un insieme di tessuti di materiale vegetale che circonda il seme. Il tegumento può essere l'involucro che circonda l'uovo e / o il seme.

Tontine:

La tontina è un pezzo di tessuto utilizzato per consentire a una zolla di terra che circonda le radici di un albero di rimanere al suo posto. Può essere di diversi materiali: paglia, tela, rete di plastica.

Topiaria (dimensione):

Una potatura topiaria è una potatura artistica. È una potatura che mira a dare forma all'albero / arbusto. Una forma libera, geometrica o figurativa. Abbiamo anche che è un albero topiaria.

Tracciamento:

Pianta che produce rizomi o corridori da sviluppare.

Trapianto:

Il trapianto è l'atto di spostare una pianta da un punto del giardino a un altro, o quando si ripianta una pianta coltivata in vaso nel terreno, nella sua posizione finale.

Tuberizzazione (radice):

Il tuberizzazione corrisponde alla trasformazione di un elemento vegetale - radici, foglie o anche steli - in un organo di riserva come tubero, rizoma, cormo, radice tuberosa. La tuberizzazione consente alla pianta di sopravvivere durante la brutta stagione o le cattive condizioni di crescita.

Turion:

Riguarda alcune piante come gli asparagi, le cui parti aeree muoiono ogni anno. Il germoglio è un germoglio sotterraneo che cresce dal suo ceppo.

Tipo (specie):

Una pianta è una specie tipo se soddisfa le caratteristiche che definiscono la specie tipo.


T - le parole del giardiniere - il lessico del giardino

Pagine dello stesso livello
come la pagina corrente


Pagina / e di livello inferiore

Di seguito il significato (significato) del vocabolario solitamente utilizzato per parlare di giardinaggio e di giardino: fiore, frutta, verdura, tecnica di coltivazione. (soprattutto su questo sito).

Adiacente. - Fissazione di un ramo su un supporto (etichetta di un portinnesto, spalliera, palo, eccetera).

Permanentemente. - Istituzione di un determinato impianto nella sua posizione finale (piantagione permanente).

Adolescenti. - Piatto di coltivazione con piano inclinato, posto al centro della piazza, predisposto per il massimo sfruttamento del calore solare.

Accidentale. - Che è cresciuto senza essere stato seminato. Le erbe infestanti possono, a seconda dei casi, essere eliminate durante i lavori di allentamento o manutenzione.

Avventivo. - Organo situato su una parte della pianta che normalmente non include tale organo. Pertanto, le radici avventizie sono fissate dal fusto di alcune piante.

Affinità. - Attrazione più o meno marcata esistente tra due piante apparentemente diverse, a causa della somiglianza più o meno marcata dei loro caratteri fisiologici. La mancanza di affinità tra portainnesto e marza può essere una causa di fallimento dell'innesto.

Affrancatura. - Ritorno allo stato del "franco", cioè ad una vegetazione autonoma, della pianta associata al portainnesto durante l'innesto.

Emendamento. - Sostanza incorporata nel suolo per modificarne le proprietà fisiche.

Allentamento. - Operazione volta a rendere il terreno idoneo alla coltivazione.

Annuale. - Qualificatore applicabile alle piante il cui ciclo vegetativo non supera l'anno.

Anticipato. - Qualificatore applicato a un organo (occhio o ramo) che si sviluppa prima del normale periodo della sua fioritura.

Velocemente. - Trasformazione di rametti erbacei in rametti legnosi, cioè in rametti di legno.

Call-sиve. - Organo (occhio o ramo) momentaneamente trattenuto al fine di attirare la linfa al livello in cui è posizionato.

Arabile. - Qualificatore applicato alla parte di terreno sottoposta a metodi di coltivazione.

Arcure. - Piegatura dei rami per ridurne il vigore e, quindi, per aumentare le loro possibilità di produzione (fruttificazione, in particolare).

Rotazione. - Divisione di tutta la superficie coltivata di un'azienda, in suole, ciascuna delle quali comprende tutte le parcelle che, nello stesso anno, portano lo stesso raccolto.

Tendalino. - Pensilina mobile utilizzata per la protezione degli alberi da frutto condotto a spalliera o controspalliera.

Anticipi. - Contributi di materiali fertilizzanti forniti al suolo, in previsione di prelievi imprevisti di elementi fertilizzanti, effettuati durante la formazione delle colture.

Ascellare. - Qualificatore dato al bocciolo - detto anche occhio laterale - situato nelle ascelle delle foglie, questo bocciolo dando origine ad un ramo di sviluppo minore di quello su cui si trova.

Telone. - Cassapanca in ciotole o in muratura, più o meno interrata nel terreno, che funge in particolare da sostegno ai telai e permette l'isolamento dall'ambiente esterno delle colture coltivate.

Inzuppato. - Irrigazione superficiale con pioggia fine destinata, a seconda dei casi, ad inumidire tutta o parte di una pianta, oppure un letto di piantine o piantagioni appena stabilite, o anche giovani piante risultanti dalla semina.

Bat. - Attrezzo che permette il riempimento del terreno, in particolare in occasione della semina di semi pregiati praticata in terreno leggero ed asciutto.

Biennale. - Qualificatore applicabile alle piante il cui ciclo vegetativo supera un anno ma non supera i due anni.

bianca. - Termine utilizzato per designare ciascuna delle malattie fungine del genere oppio o generi correlati.

Confine. - Associazione di piante erbacee o semilegnose, piantate frontalmente in un unico filare nelle immediate vicinanze di vie di circolazione interne (sentieri, vicoli), o massicci.

Bounding. - Operazione consistente, durante la messa a dimora, nell'applicazione del terreno mediante pressione sulle radici, in modo da metterle in stretto contatto con le particelle di terreno.

Germoglio. - Organo che mostra la sagoma di nuovi germogli in cui le parti costitutive (soprattutto foglie e fiori) sono in uno stato rudimentale e il più delle volte incluse in una serie di scale.

Borsa valori. - Rigonfiamento esistente in pera e mela nella sede dei frutti, rigonfiamento dovuto alla persistenza dell'asse delle infiorescenze.

Pulsante. - Organo designato, a volte con il nome di bocciolo di fiore, a volte con il nome di bocciolo di frutta, in cui si trovano raggruppati i fiori, non ancora sbocciati.

Taglio. - Frammento di fusto, foglia o radice, prelevato da una determinata pianta e capace di produrre radici, permettendo così di ottenere un nuovo soggetto, identico al primo.

Ramoscello. - Ramo corto e sottile di alberi da frutto, generalmente fruttifero.

Lampadina. - Fusto sotterraneo arrotondato, chiamato anche cipolla, costituito da un altopiano carnoso, tuniche o scaglie attaccate all'altopiano e strette l'una contro l'altra e una gemma più o meno centrale anch'essa attaccata all'altopiano.

Bulbil. - Piccolo bulbo originario delle ascelle delle foglie o nel sito dei fiori, in alcune piante.

Ridging. - Operazione consistente nell'accumulare un volume variabile di terreno, ai piedi di alcune piante, e talvolta, nel ricoprirle completamente con lo scopo, a seconda dei casi, di provocare la moltiplicazione di organi sotterranei, di proteggere la pianta o di consentire lo sbiancamento del sistema ad aria di esso.

Decaduto. - Termine utilizzato per qualificare le parti della pianta (foglie in particolare), che cadono immediatamente dopo aver adempiuto al loro ruolo.

Caпeu. - Gemma che si forma nelle ascelle delle squame in alcuni bulbi (ad esempio: l'aglio) e che presenta essa stessa tutte le caratteristiche del bulbo da cui emana.

Carenza. - Insufficienza, nel terreno, del contenuto di un elemento costitutivo secondario come: boro, manganese, ferro, zinco, ecc., Insufficienza che si traduce in particolare nel decadimento e addirittura nella scomparsa delle piante che ne soffrono (carenza malattia>.

Cernage. - Operazione consistente, nel tirare in zolla, nel tagliare le radici della pianta interessata al limite della zolla da estrarre.

Caricamento in corso. - Operazione consistente nel completare le casse o i teloni, mediante un volume di terreno o compost sufficiente a consentire il normale sviluppo delle radici delle piante da coltivare.

Peloso. - L'insieme delle radichette o le ultime divisioni della radice di una pianta, ogni ramo avendo l'aspetto di un capello.

Collare.- Ideale punto di giunzione tra il fusto e la radice principale.

Compost. - Miscela di detriti di origine vegetale o animale, accumulati e sottoposti ad una lenta trasformazione, al fine di aumentare l'assimilabilità, da parte delle piante, dei materiali fertilizzanti contenuti in tali detriti.

Cestino. - Associazione, in forma regolare, di piante ornamentali annuali o perenni.

Costa. - Tavola di coltivazione, con piano leggermente inclinato, posta ai piedi di un muro, una staccionata o una siepe, e predisposta per il massimo sfruttamento del calore solare.

Strato. - Grappoli di materiali fermentabili (letame, e foglie, in particolare), in grado di fornire, grazie all'innalzamento della temperatura che avviene durante la loro fermentazione, il necessario supplemento di calore, in determinati periodi, a piante coltivate fuori stagione normale.

Sparo. - Tempo in cui la fermentazione e la temperatura degli strati, dopo aver raggiunto il livello massimo, rimangono stazionarie, prima di iniziare a decadere.

Coperta. - Dispositivo di protezione (telaio, stuoie, paglia, foglie, ecc.) Utilizzato per piante sensibili al freddo o coltivate al di fuori della normale stagione.

Cultura furtiva. - Coltivazione di una data coltura, effettuata tra due colture principali effettuate nello stesso anno, il cui raccolto si somma a quello delle ultime due e aumenta corrispondentemente il rapporto suolo.

Cultura sottostante. - Coltivazione praticata sotto piante di un'altra cultura, come nel frutteto rurale.

Ciclo vegetativo. - Periodo durante il quale un dato impianto svolge tutte le funzioni della sua vita.

Stinger. - Produzione emessa dal pero e dal melo, costituita da un occhio appuntito e da una ramificazione molto corta e che rischia di trasformarsi in elemento fecondo in due o tre anni.

Affondando. - Operazione che consente di dissodare in profondità il terreno raggiungendo non solo tutto lo strato costituente il suolo stesso, ma anche la parte superiore del sottosuolo.

Degenerazione. - Progressivo deterioramento di alcuni caratteri, in varie piante, che solitamente si traduce in anomalie della vegetazione e assenza di raccolto (malattia degenerativa).

Dislocamento. - Operazione consistente, il più delle volte, nell'asportazione di una pianta trovata in vivaio al fine di metterla a dimora nel suo luogo definitivo, cioè definitivamente. In un senso più generale, sradicare una pianta per ripiantarla altrove.

Conservazione. - Rimozione di una pianta dal vaso in cui è stata coltivata.

Divisione ciuffi. - Dissociazione parziale o totale degli elementi costitutivi del ceppo di una data pianta al fine di reimpiantare altrove ciascuno degli elementi dissociati.

Sucker. - Un ramo sotterraneo che presenta le caratteristiche di un fusto, emesso da alcune specie vegetali.

Drenaggio. - Operazione consistente nel ripulire il terreno, evacuando l'acqua in eccesso.

Dressage. - Operazione eseguita per conferire una superficie piana ai letti di coltura, la linea di riferimento di tale superficie essendo rappresentata dalla linea, allungata longitudinalmente.

Йimmagine. - Pizzicamento dell'estremità o della chioma in alcune piante, al fine di limitare l'aumento di queste in altezza e rafforzare gli organi inferiori.

Diradamento. - Estrazione delle piante in eccesso per favorire lo sviluppo di quelle che normalmente dovrebbero esistere.

Й scoppiando. - Operazione consistente nel lacerare una o più frazioni (frammenti) del ceppo di una determinata pianta, in grado di condurre una vita autonoma altrove, previo radicamento, se necessario.

Distintivo. - occhio di legno o di frutto comprendente una frazione di corteccia e liber, staccata da un ramo di un dato albero, al fine di innestarlo su un altro albero.

Potatura. - Operazione consistente nella rimozione di rami strutturali in eccesso o mal localizzati presenti su alberi guidati in forma libera, con lo scopo, in particolare, di bilanciare il quadro.

Ripieno. - Piantare una pianta o una frazione di pianta in un vaso.

Fertilizzante. - Materiale fertilizzante in grado di migliorare la composizione chimica del suolo e, di conseguenza, di favorire lo sviluppo delle piante grazie all'aumento della fertilità.

Insaccamento. - Mettere in sacchi di materiale impermeabile o impermeabile, fiori o frutti di alcune piante, al fine di isolarli dall'ambiente circostante e, quindi, di garantire la loro protezione contro ogni attacco o disturbo proveniente da questo ambiente.

Coprire la diffusione. - Applicazione di fertilizzanti quando le piante coltivate sono già più o meno sviluppate.

Tiolement. - Operazione destinata a privare della luce, per un certo tempo, in tutto o in parte gli organi d'aria di alcuni vegetali, al fine di provocare la scomparsa della clorofilla e permettere così lo sbiancamento delle parti interessate.

Soffocare. - Togliere dall'azione dell'aria, ponendole sotto una vetrata, le piante appena moltiplicate (innesti, talee, ecc.), In modo da favorire lo sviluppo delle radici.

Netto. - Ramo aereo che striscia al suolo, dando origine, da luogo a luogo, a radici avventizie e formando, in ciascuno di questi siti, una nuova pianta separabile dalla pianta madre (esempio: fragola).

Fusione. - Distruzione totale delle giovani piante all'emergenza, per la presenza di alcuni funghi nel terreno, o per eccessive annaffiature.

Forzare. - Operazione consistente nel provocare, prima della normale stagione, l'allegagione nella vegetazione di talune specie chiare o da frutto o ornamentali, in particolare mediante calore artificiale.

Franco. - Soggetto derivante da piantine.

Erba. - Superficie del terreno, detto anche prato, generalmente situato in prossimità di un luogo abitato, ricoperto da piante il più delle volte appartenenti alla famiglia delle graminacee ea quella delle farfalle, essendo queste piante unite in un misto di composizione variabile e frequentemente falciate, per renderli cespugliosi e dare al suolo l'aspetto di un tappeto.

Secchio. - Pentola di diametro ridotto, generalmente inferiore a 12 cm.

Pod. - Frutto di piante della famiglia delle farfalle.

Corruzione. - Stretta associazione di due frazioni di piante in vista della riproduzione di una di queste, la pianta che funge da supporto essendo designata con il nome del soggetto e la pianta da riprodurre, con il nome di innesto, risultato della operazione che costituisce l'innesto.

Artiglio. - Nome dato, per la sua forma, al ceppo di alcune piante, costituito da radici fascicolate, corte, spesse e carnose (esempio: asparagi).

Vestirsi. - Operazione consistente nell'eliminare, prima di piantare, gli organi superflui o danneggiati sulle piante da piantare.

Siepe. - Linea di alberi o arbusti, piantati frontalmente su una larghezza maggiore o minore e il più delle volte svolgono il ruolo di recinzione. Per estensione, il nome dato alle piantagioni di alberi da frutto a forma di V e intersecanti, la forma viene indicata come rombo e la piantagione viene indicata come siepe di frutta.

Siepe. - Vento secco e freddo da nord-est, che soffia in marzo-aprile e più o meno dannoso per le colture.

Erbaceo. - Qualificatore applicabile alle piante i cui tessuti sono molli, teneri, acquosi e di colore verde, come quelli delle piante che costituiscono l'erba dei prati.

Svernamento. - Riparo e sonno vegetativo durante l'inverno di alcune piante. Lo svernamento è costituito anche ponendo in ambiente freddo alcune piante destinate alla coltivazione forzata, in modo da immobilizzare più o meno la circolazione della linfa e permettere così lo scaglionamento della produzione risultante dalla semina.

Intermedio . - Pianta interposta tra il soggetto e l'innesto, quando l'affinità tra loro non è soddisfacente, il risultato dell'associazione dell'innesto dalla parte superiore alla pianta intermedia viene definito sovrainnesto.

Irrigazione . - Operazione avente lo scopo principale di portare nei terreni non sufficientemente umidi i quantitativi di acqua necessari alle piante ivi coltivate.

Valutare . - Trincea aperta all'inizio dello scavo e mantenuta per tutta la durata dell'operazione, al fine di consentire lo spostamento del terreno da allentare. Per estensione, viene designata con il nome di gauging l'operazione consistente nel collocare provvisoriamente alcune piante o frazioni di piante in una sagoma, poi ricapitolata, in attesa della messa a dimora o moltiplicazione di dette piante.

Jet . - Mela piccola emessa in più o meno quantità dai cavoletti di Bruxelles e distribuita lungo tutto il gambo, tranne che nella parte superiore.

Travetto . - Ramoscello di legno, grande e corto, che termina in un bocciolo di fiore o in un occhio di legno in procinto di essere trasformato in un bocciolo di fiore.

Lignificazione . - Trasformazione del tessuto erbaceo in tessuto legnoso, cioè costituito da legno.

Maglia . - Nome dato ad alcuni fiori di piante orticole come i piselli e piante della famiglia delle cucurbitacee (melone, zucca, ecc.), I fiori così designati, in quest'ultimo caso, essendo i fiori femminili.

Mangia tutto . - Termine applicato a varietà di fagioli e piselli i cui baccelli sono privi di materiale fibroso o di pergamena, che consente loro di essere mangiati così come sono,

Marcotte . - Ramo sul quale è stata preventivamente provocata l'emissione di radici avventizie in un dato punto, mentre era ancora connesso alla pianta madre, e che viene reciso per ottenere una pianta indipendente.

Massiccio . - Assemblaggio di alberi o arbusti più o meno fitti e disposti in modo da ottenere un determinato effetto ornamentale.

Minimo . - Denominazione data alla regola (Legge del minimo) secondo la quale la resa delle colture dipende dall'elemento fertilizzante (azoto, acido fosforico, cloruro di potassio) che si trova in minor quantità nel terreno, da qui la necessità dell'apporto di equilibrato letame.

Pulizia . - Operazione tuttora nota con il nome di wc, consistente, in particolare, nel disarmo dalle piante coltivate in piena terra o in ricovero, qualsiasi elemento inutile, fastidioso o addirittura nocivo (foglie morte, legno morto, ecc.).

Occhio . -Termine al di sotto del quale generalmente si fa riferimento alle gemme degli alberi da frutto e ornamentali.

Њecup . - Cresce emessa dal ceppo del carciofo, la separazione di questo pollone, dalla pianta madre, viene indicata con il nome di fluffing.

Ombreggiato . - Operazione consistente nel proteggere dagli effetti dei raggi solari alcune piante coltivate sotto riparo vetrato, il più delle volte al momento della ripresa o quando le piante sono giovani.

Tab . - Frazione di fusto o ramo conservata dopo alcune operazioni di innesto, durante la riduzione del soggetto, per servire da supporto al ramo emesso dall'innesto, situato più in basso, e per consentire la comparsa dei richiami linfa.

Palizzata . - Assemblaggio di assi o di piante tagliate e più o meno secche, stabilite in lunghezza e destinate, in particolare, a svolgere il ruolo di recinzione e riparo dal vento.

Mulching . - Operazione consistente nello spargimento sul terreno coltivato, in letto continuo di basso spessore, paglia o letame più o meno decomposto.

Pacciame . - Strato di paglia o letame posto in occasione della pacciamatura.

Anelli per i piedi . - Sentiero compreso. la larghezza non supera quella di due piedi posti allo stesso livello.

Asilo . - Sito di terreno riservato alla moltiplicazione delle piante e al loro sviluppo fino al momento della diffida.

Marmorizzazione . - Operazione consistente nel liberare i semi di alcune piante (carota, in particolare), delle barbe che contengono.

Persistente . - Termine utilizzato per qualificare le parti della pianta (foglie, in particolare), che rimangono pur rimanendo verdi, dopo ogni ciclo vegetativo annuale.

Piede della madre . -Touf o ceppo di un vegetale, destinato a fornire gli elementi necessari alla sua riproduzione oltre che per seme. In quest'ultimo caso, la pianta interessata è denominata vettore del seme.

Pizzicare . - Operazione, detta anche clippatura, consistente nel tagliare, sia con le unghie che con un potatore, l'estremità dei giovani rametti, al fine di concentrare la linfa nella parte inferiore di essi e, quindi, favorire lo sviluppo degli elementi che ci sono impiantati (gemme, rami o frutti).

Perno . - Nome dato alla radice delle piante che, per la sua importanza rispetto ad altre radici, costituisce la radice principale e affonda più o meno verticalmente nel terreno.

pianta . - Giovane verdura da un seme. Per estensione, ortaggi piantati o destinati ad essere.

Pla t acqua. - Parte dell'apparato radicale in cui sono inserite la radice principale e tutte o parte delle radici secondarie.

Terra piena . - Termine utilizzato per indicare la coltivazione praticata all'aria aperta senza necessità di ricovero. Con questo termine si indica anche la coltivazione a terra, in contrapposizione, in particolare, alla coltivazione in vaso o recipiente.

Vento pieno . - Termine usato per designare alberi di specie da frutto, specialmente quelle coltivate su fusti, lontane da ogni riparo.

Impianto idraulico . - Operazione consistente nel compattare il terreno con vari mezzi: rullo, frullino, pala, anche i piedi, al fine di aumentarne la consistenza e di mettere a più stretto contatto con le particelle di terreno i semi sparsi durante la semina.

Setole assorbenti . - Organi filamentosi emessi dalle radici e attraverso i quali avviene l'assorbimento dei nutrienti dal suolo.

Tasca . - Piccolo foro praticato nel terreno, per depositare semi o tuberi.

Assorbenza . - Possibilità che presenta un terreno di poter trattenere più o meno a lungo, nel suo strato superiore, gli elementi fertilizzanti che gli vengono forniti durante la concimazione.

Praline . - Rivestimento delle radici e, eccezionalmente, del fusto al momento della messa a dimora, in un rivestimento consistente comprendente materiali fertilizzanti rapidamente assimilabili, al fine di ridurre la sudorazione dei soggetti e favorirne il recupero.

Estensione . - Ramoscello dell'anno situato all'estremità del fusto e dei rami del quadro.

Ricostruzione . - Operazione consistente nel tagliare in tutto o in parte una pianta legnosa in un punto del fusto o dei rami della struttura, a seconda dei casi, in modo che possa beneficiare di una vegetazione rinforzata, sia mediante i nuovi germogli emessi, o mediante innesto.

Caldo .- Letame fresco incorporato in uno strato o posto sotto forma di una parete di spessore variabile ai margini delle casse, in modo, a seconda dei casi, per portare una spinta di calore allo strato iniziale o per evitare dispersioni di calore più o meno importante che diminuirebbe gli effetti e la durata di detto strato.

Rifiuto . - Ramo, chiamato anche propaggine, che nasce dal ceppo di piante legnose o perenni.

Rinvaso . - Operazione consistente nel togliere una data pianta dal vaso in cui era stata posta, e metterla in un vaso di calibro superiore.

Trapianto . - Operazione consistente nel trasferire piante da piantine, diradate o meno, per piantarle in altro luogo, con l'obiettivo di indurirle e potenziarne le possibilità di assorbimento e assimilazione fino a quando non saranno piantate definitivamente.

Reprise . - Momento fisiologico a partire dal quale le piante o frazioni di piante poste nel terreno mediante impianto o anche trapianto, riescono a riprendere le loro funzioni vegetative, interrotte al momento dell'allontanamento.

Sudorazione . - Graduale ritorno allo stato di normale aridità delle zone umide o dei suoli appena disturbati che hanno beneficiato di innaffiature più o meno abbondanti, nonché di parti di piante estratte dal terreno (tuberi, ad esempio).

Rizoma . - Fusto carnoso sotterraneo, generalmente costituito da una successione di piccoli rigonfiamenti aventi più o meno l'aspetto di un rosario.

Rullaggio . - Operazione consistente nel far passare uno strumento denominato rullo su un terreno allentato con l'intento, o di livellarlo rompendo le zolle superficiali, oppure di provocare il compattamento della sua parte superiore per conferirgli maggiore coesione.

Scion . - Crescita dell'anno emessa da una pianta ottenuta da piantine o dall'innesto in operazioni di innesto.

Svezzamento . - Operazione consistente nel separare il ramo connesso alla pianta madre, di quest'ultima, nel modo di moltiplicazione per stratificazione, quando detto ramo è in grado di continuare una vegetazione autonoma.

Suola . - Gruppo di letti di coltivazione che, in una data azienda agricola, portano lo stesso raccolto nello stesso anno.

Stratificazione . - Sistemazione in aiuole successive di alcuni elementi vegetali (semi, bulbi, tuberi, innesti, talee, ecc.), Con l'interposizione di uno strato di materiale isolante (terra secca o leggermente umida), al fine di mantenere la vitalità necessaria per questi elementi in attesa del loro normale utilizzo.

Soggetto . - Termine con il quale viene designata la pianta che funge da supporto per l'innesto, nell'operazione di innesto, essendo questa pianta ancora denominata portainnesto.

Affiorante . - Rigenerazione della parte superficiale del suolo, soprattutto nelle colture coltivate in vaso.

Sovrainnesto . - Operazione che consiste nell'innestare due volte lo stesso soggetto, utilizzando un soggetto intermedio (si veda questa parola).

Formato . - Operazione consistente nel ridurre metodicamente alcuni elementi costitutivi del sistema aereo delle piante (fusti, rami quadro, chiome, ecc.) Con l'obiettivo di ottenere un migliore equilibrio vegetativo nonché un uso razionale degli elementi fertilizzanti del suolo e, quindi, di 'migliorare la funzione del vegetale. .

Talage . - Macchie più o meno profonde esistenti sui frutti a seguito di pressioni anormali dell'epidermide, durante la raccolta o il trasporto, le ammaccature dei tessuti che ne derivano provocando generalmente il marciume dei frutti colpiti.

Topdressing . - Operazione consistente nel ricoprire la superficie di un terreno coltivato, previa semina o diradamento, con uno strato di terriccio di spessore più o meno basso, al fine di migliorare la parte superficiale del suolo, sia dal punto di vista fisico che chimico , e quindi fornire ai semi seminati o alle piante rimaste dopo il diradamento migliori possibilità di sviluppo.

Battere la terra . - Terreno superficialmente compatto con tendenza a gelare dopo ogni pioggia o ogni irrigazione, che richiede l'esecuzione di numerose coltivazioni.

Terra cava . - Terreno costituito da molecole di grandi dimensioni, quindi con coesione insufficiente, che richiede l'esecuzione di una laminazione o di un riempimento prima della semina o della piantagione.

Terra Franco . - Terreno in cui il contenuto di elementi costitutivi di base (argilla, silice, calcare, humus) è soddisfacente per ciascuno di questi elementi.

Trapianto . - Operazione consistente nel tirare su una determinata pianta e ripiantarla in una nuova posizione.

Treille . - Cordone di vite condotto su un alto fusto e stabilito sia a spalliera che a controspalliera.

Triennale . - Qualificatore applicabile alle piante il cui ciclo vegetativo supera i due anni senza superare i tre anni.

Tubero . - Fusto sotterraneo gonfio e ricco di sostanze nutritive di riserva, presenti in alcune piante, come la patata.

Picchettamento . - Operazione consistente nel fornire un supporto rigido ad una determinata pianta o ad una frazione di pianta al fine, a seconda dei casi, di consolidarla nel terreno (alberi da frutto, per esempio) o per assicurare il mantenimento del suo fusto (esempio : sarmentose o piante rampicanti). Le support est, d'une faзon gйnйrale, dйsignй sous te nom de tuteur, sauf pour la vigne oщ il est connu sous le nom d'йchalas et pour des vйgйtaux tels que le pois oщ le tuteur est appelй rame.

Vivace . - Qualificatif applicable aux vйgйtaux herbacйs dont la souche dure plusieurs annйes, en йmettant chaque annйe des pousses nouvelles qui meurent а l'automne ou а l'entrйe de l'hiver.

La cabane des sorciиres dans les arbres sous la neige au rйveil !


T - les mots du jardinier - le lexique du jardin

mots de la même famille que jardin


Video: PREPARAZIONE DEL GIARDINIERE LEGGE 154